Salute

Abbiamo tutti un cervello di gallina

La prossima volta che vi danno del pollo, aspettate ad offendervi. Con i brillanti pennuti abbiamo più cose in comune di quanto non credessimo, almeno secondo uno studio recentemente pubblicato sulla versione online di Proceedings of the National Academy of Sciences.
(Elisabetta Intini, 29 luglio 2010)

Per oltre un secolo i neuroscienziati hanno tenuto il cervello dell'uomo e degli altri mammiferi su un piedistallo, distinguendolo da quello degli altri vertebrati come per esempio, gli uccelli. Alla base di questa convinzione c'era la presunta unicità strutturale della neocorteccia cerebrale, la sede dei comportamenti cognitivi più complessi come il linguaggio e il pensiero.
In particolare, la neocorteccia dei mammiferi è costituita da strati di cellule connesse da colonne di altre cellule disposte a raggiera, che formano dei moduli funzionali caratterizzati ciascuno da specifici neuroni e connessioni. Questa struttura finora, non era ancora stata rintracciata in nessuna delle aree cerebrali dei non-mammiferi, fatto che portava a pensare che il cervello dei mammiferi fosse un privilegio dell'evoluzione.

Somiglianze. Utilizzando una sofisticata tecnologia di visualizzazione per immagini, un'equipe di ricercatori della University of California, San Diego School of Medicine è riuscita a individuare una regione del cervello dei polli (parte del telencefalo) che ha le stesse funzioni della corteccia uditiva dei mammiferi, e cioè processare gli input sonori. Gli scienziati hanno scoperto che questa regione ha una struttura molto simile a quella della neocorteccia dei mammiferi: una serie di strati di cellule connesse da sottili colonne radiali di cellule differenti.
Antenato comune. La scoperta indicherebbe che le proprietà della neocorteccia non sono uniche dei mammiferi, ma potrebbero essersi evolute da un vertebrato molto antico, un "trisnonno" che abbiamo in comune con galli e galline, vissuto, ma si tratta di semplici supposizioni, qualcosa come 300 milioni di anni fa. Insomma se la vostra vicina è un po' dura di comprendonio, e quel collega si atteggia a galletto nel pollaio, un motivo - in termini evolutivi - ci sarà.

29 luglio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us