Speciale
Domande e Risposte
Salute

10 cose che (forse) non sai sul respiro

Respiriamo circa 20 mila volte al giorno, e da quando lo facciamo indossando mascherine anti-covid abbiamo capito quanto sia importante il respiro.

Respirare attraverso le mascherine non è così piacevole, ma ormai ci siamo abituati: dobbiamo proteggerci dalla covid e impedire la diffusione del coronavirus e delle sue varianti. D'altra parte, non possiamo certo fare a meno di respirare: attraverso la respirazione riusciamo infatti a immettere nei polmoni l'ossigeno necessario a far funzionare il resto del corpo e il cervello, soprattutto. Ecco dieci curiosità scientifiche su questo affascinante meccanismo vitale.

1 - saper Respirare. Una delle particolarità della respirazione è che, pur essendo un processo autonomo, compiuto spontaneamente anche in momenti di incoscienza, come quando dormiamo, è nello stesso tempo un meccanismo modulabile volontariamente. Inoltre, possiamo cambiare il modo in cui respiriamo non solo momentaneamente, ma anche nel lungo periodo, apprendendo nuove abitudini attraverso numerose pratiche, tipiche per esempio dello yoga.

2 - Il respiro in numeri. In condizioni normali, gli adulti respirano dalle 12 alle 20 volte al minuto e ben ventimila volte al giorno. Questo significa che riusciamo in media a inalare ed esalare circa 8 litri di aria al minuto e 11.520 litri d'aria al giorno. Di questa, però, soltanto il 21% circa contiene ossigeno, mentre il restante 78% è azoto e l'1% argon.

3 - Dentro aria, fuori acqua.  Se la respirazione consente di inalare ossigeno dall'aria, nel corso dell'espirazione espelliamo molta acqua. Secondo i calcoli della rivista Polish Pneumonology and Allergology, a riposo gli esseri umani ne espirano fino a 17,5 millilitri l'ora, quantità che aumenta di circa quattro volte quando si compie uno sforzo fisico.

4 - Donne e uomini. Stando alla rivista scientifica FASEB Journal, le donne faticherebbero più degli uomini a respirare quando compiono sforzi fisici intensi. Il motivo? Le minori dimensioni delle vie aeree, che aumentano il lavoro dei muscoli dell'apparato respiratorio. Questa particolarità in futuro potrebbe aiutarci a indagare la diversità con cui si manifestano tra i sessi alcune patologie polmonari.

5 - Meglio con il naso. La respirazione nasale è preferibile a quella con la bocca, perché consente di "filtrare" l'aria inalata, purificandola. E secondo uno studio pubblicato sul Brazilian Journal of Otorhinolaryngology, la respirazione orale può addirittura modificare la crescita del viso e causare alterazioni morfologiche in tutto l'organismo.

6 - Polmoni: spugne lunghissime. L'aria che inspiriamo viene ulteriormente filtrata dai polmoni, che svolgono un ruolo fondamentale nella respirazione. Oltre a essere delle formidabili "spugne", i polmoni sono grandissimi: per farsene un'idea, la loro superficie interna, distesa, occuperebbe un'area pari a quella di un campo da tennis (circa 80 metri quadrati).

7 - Barometro delle emozioni. Le modalità con cui respiriamo sono strettamente legate al nostro umore, specialmente quando passiamo rapidamente da un'emozione all'altra a causa dello stress. Per questo, appositi esercizi di respirazione possono aiutarci a gestire emozioni come la rabbia e la paura, migliorando non solo il nostro umore, ma anche la nostra salute.

8 - Contro ansia e stress. Discipline come lo yoga, incentrate sulla respirazione, possono aiutarci a combattere la depressione. A dimostrarlo, uno studio dell'Università della Pennsylvania, che ha misurato gli effetti dello yoga su 25 pazienti affetti da disturbo depressivo maggiore, notando benefici pari o maggiori di quelli derivanti dall'uso di farmaci antidepressivi.

9 - Meno fame. Secondo uno studio pubblicato nel 2017 su Applied Psychophysiology and Biofeedback, fare respiri più lunghi potrebbe aiutare a ridurre l'appetito. Alcune tecniche di respirazione lenta si sono infatti dimostrate molto efficaci per contrastare il desiderio di cibo, aiutando coloro che sono a dieta.

10 - più sonno. Una corretta respirazione è anche un toccasana per dormire meglio. Stando a uno studio pubblicato nel 2020 sulla rivista Nature ed effettuato su giovani adulti senza disturbi del sonno, rallentare la respirazione prima di addormentarsi può farci godere di un riposo più profondo e aumentare la qualità della nostra dormita.

25 novembre 2021 Massimo Manzo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us