Dalla CO2 arriva una batteria ecologica?
I ricercatori del MIT hanno messo a punto una batteria a basso impatto ambientale utilizzando l'anidride carbonica prodotta dai processi di combustione industriale. 
Nuvoloso? Celle solari al top grazie ai batteri
Dal Canada una tecnica economica per sfruttare la capacità dei batteri di ricavare energia dalla luce: ispirata alla fotosintesi, risulta efficace anche in ambienti poco luminosi
In California il solare diventa obbligatorio
Una nuova norma varata in California rende obbligatoria l’installazione di pannelli solari su tutte le case di nuova costruzione: le cifre dimostrano che conviene all’ambiente e anche al portafoglio.
 
 
 
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Quante sono le centrali nucleari nel mondo?
Fukushima o no, l'energia nucleare nel mondo cresce.
Un nuovo eco-carburante economico
Con un bioreattore, aceto e lieviti ingegnerizzati si trasformano rifiuti organici e emissioni industriali in nuovo carburante.
Energia gratis e senza limiti?
Ricercatori Usa affermano di poter estrarre carburanti dall'atmosfera e idrogeno dall'acqua in modo facile ed economico. Se è vero (per davvero) è quasi una magia.
In Sudafrica un aeroporto a energia solare
È il primo in un continente baciato dal Sole: a regime, produrrà tutta l'energia di cui ha bisogno per funzionare.
Accesa la centrale solare più grande al mondo
È stato acceso in Marocco Noor1, il più grande impianto solare al mondo: obiettivo del Governo di Rabat è quello di portare il paese verso un'indipendeza energetica... green.
8 modi alternativi per produrre energia
Dagli escrementi ai venti solari, fino al sudore dei pendolari: alcune insolite fonti di energia che potrebbero rendere più sostenibile il futuro energetico del pianeta.
Palloni fotovoltaici sopra le nuvole
Un gruppo di ricerca franco-giapponese ha ideato dei palloni per catturare l'energia solare ad alta quota e produrre elettricità 24 ore al giorno. Il concept potrebbe diventare realtà entro due anni.
La batteria che si spegne ma non esplode
La Stanford University ha realizzato un accumulatore che si spegne prima di surriscaldarsi, per poi tornare a funzionare non appena la temperatura ritorna nella norma.