La dismissione infinita di Lubmin

42-43919473
|© Bernd Wüstneck/dpa/Corbis
Anche la stampa è invitata alla "storica" rimozione del generatore di 156 tonnellate posizionato nel blocco 3 della centrale nucleare di Lubmin, in Germania.
L'impianto, il più grande e importante della ex Repubblica Democratica, è stato dismesso alla fine degli anni'90 insieme agli altri siti nucleari della Germania orientale, dopo la caduta del Muro di Berlino. Da quel momento, Lubmin è stata oggetto di una serie di operazioni di smantellamento nucleare costate qualcosa come 4,1 miliardi di euro, ma tutt'oggi non ancora concluse. Quello dismesso i giorni scorsi è l'ultimo dei grandi componenti radioattivi ancora presenti nell'impianto.
Angela Merkel, in seguito del disastro di Fukushima in Giappone di cui oggi ricorre il secondo anniversario, ha decretato la chiusura entro il 2022 di tutte le centrali nucleari, ma resta aperto il problema dello smaltimento delle scorie nucleari.

Come si spegne un reattore nucleare? Scoprilo qui.

La Germania in rivolta contro una discarica di scorie radioattive.
11 Marzo 2013 | Rebecca Mantovani

Codice Sconto

Vedi anche