Energia

Una sala digitale per controllare il trasporto del gas

Il cuore del programma SnamTEC, con cui Snam sta lavorando a una rete italiana ed europea di trasporto del gas sicura, moderna e tecnologica, è l'Asset Control Room, o ACR.

Il cuore del programma SnamTEC, con cui Snam sta lavorando a una rete italiana ed europea di trasporto del gas sicura, moderna e tecnologica, è l'Asset Control Room, o ACR. Nella sostanza è un potente strumento software che da ogni dispositivo connesso alla rete del gruppo - pc, tablet o smartphone - consente di monitorare e gestire gli "asset" e le attività aziendali.

Pienamente operativa dall'inizio del 2024, l'ACR è il risultato di circa 4 anni di sviluppo e supporta l'attività del Centro di Dispacciamento Snam nella gestione di decine di migliaia di chilometri di gasdotti, delle 13 centrali di compressione, oltre che dei siti di stoccaggio del gas in Italia e dei punti di accesso del prezioso vettore energetico alla rete di trasporto.

Il Centro di Dispacciamento Snam, nella foto, è supportato dalla Asset Control Room, un fenomenale strumento software che da ogni dispositivo connesso alla rete del gruppo consente di monitorare e gestire gli “asset” e le attività aziendali.

Grazie a "cruscotti" e schermate interattive, l'ACR consente alle persone di Snam che vi hanno accesso (circa 2.200) di configurarsi in modo personalizzato il proprio ambiente di lavoro, svolgendo le loro attività quotidiane su dati esatti, certificati, raccolti in tempo reale su tutta la rete e processati attraverso algoritmi di intelligenza artificiale.

Si tratta di una quantità impressionante di informazioni, proveniente da infrastrutture dislocate su un territorio molto esteso e con un'età operativa non omogenea. Soltanto per quanto riguarda i dati diagnostici, per esempio, ACR raccoglie ed elabora ogni giorno circa 1,5 miliardi di dati, calcolando 15 milioni di variabili. Per ognuno dei 53 turbocompressori con cui Snam aziona le sue centrali di spinta del gas, vengono invece generate 1,2 miliardi di informazioni quotidiane. ACR elabora anche le informazioni di provenienza satellitare, utili a rilevare i movimenti lenti del terreno in cui si trova la rete del gas e gli asset (le infrastrutture) che la compongono.

La disponibilità pressoché infinita di dati, analizzati in modo intelligente e resi così "parlanti", consente a Snam di gestire la rete di trasporto del gas in un modo molto più flessibile rispetto al passato. Un aiuto fondamentale per un sistema chiamato a gestire oscillazioni della domanda, che nell'arco dell'anno può passare da circa 80 milioni di metri cubi al giorno a oltre 400 milioni di metri cubi.

I dati sul funzionamento delle infrastrutture consentono non soltanto di conoscerne lo stato di salute e il funzionamento momento per momento, ma anche di generare serie storiche di dati in grado di evidenziarne la curva di efficienza e programmare così interventi di manutenzione predittiva, anticipando eventuali anomalie.

In un futuro, poi, in cui la rete di trasporto sarà utilizzata non soltanto per il gas naturale, ma anche per biometano, idrogeno o anidride carbonica, l'ACR consentirà di regolare la pressione di distribuzione nelle tubature sulla base delle caratteristiche del vettore energetico impiegato.

Nuovi e ulteriori sviluppi di SnamTEC e ACR vengono immaginati e testati nell'Evolution Lab, uno spazio fisico in cui le persone di Snam sono continuamente al lavoro per ideare e testare soluzioni tecnologiche capaci di alzare senza sosta il livello della sfida.

Questo articolo fa parte di una serie sul trasporto del gas in Italia e sulla tecnologia e le innovazioni che lo rendono possibile realizzato in collaborazione con Snam. Trovi tutti gli articoli qui.

27 giugno 2024
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us