Energia

Eredità nucleare d'Italia: l'open day 2019 nelle centrali

Come i musei, anche le centrali nucleari hanno il loro weekend a porte aperte: l'Open Gate 2019 è un'occasione per vedere come si lavora allo smantellamento (e riaprire un vecchio discorso).

Torna l'Open Gate alle centrali del vecchio nucleare italiano, ancora in dismissione: un percorso turistico-scientifico attraverso una sfortunata eccellenza italiana. L'iniziativa, coordinata e condotta da SOGIN nel fine settimana del 13 e 14 aprile, conesente di visitare gli impianti di Trino (Vercelli), che raggiunse il record mondiale di funzionamento a piena potenza, Caorso (Piacenza) - il più grande del nostro Paese, Latina, la primogenita centrale italiana, all'epoca del suo avvio la più potente d'Europa, e Garigliano (Caserta), con la caratteristica "sfera bianca" che racchiude il reattore, la prima con tecnologia BWR (Boiling Water Reactor) a entrare in esercizio in Europa. Alle visite si accede esclusivamente previa iscrizione sul sito di SOGIN, entro domenica 31 marzo, e fino a esaurimento dei posti previsti.

Nei tour, della durata di circa due ore, i tecnici Sogin guideranno i visitatori nei luoghi che rappresentano un pezzo di storia industriale del nostro Paese, come le sale controllo dalle quali si governava l'esercizio del reattore, e racconteranno il lavoro che svolgono ogni giorno per smantellare gli impianti e gestire i rifiuti radioattivi, con l'obiettivo di chiudere definitivamente quella pagina del nucleare italiano. In occasione di questa terza edizione dell'Open Gate è stato già predisposto un profilo Instagram per seguire e commentare l'evento con immagini e video.

energia nucleare, decommissioning, centrali nucleari, scorie nucleari, SOGIN, Open Gate
Caorso 2003: tecnici al lavoro allo smantellamento della struttura della turbina. © Roberto Caccuri/Contrasto

Dopo lo stop del programma nucleare civile italiano in seguito ai due referendum succeduti ai disastri di Chernobyl (1986) e Fukushima (2011), le centrali elettronucleari nostrane sono oggi in avanzata fase di smantellamento (il decommissioning): il combustibile nucleare è stato portato quasi del tutto in Inghilterra e in Francia per il riprocessamento - operazione che consente il riutilizzo del 96-97% del materiale fissile. L'iniziativa museale permetterà quindi di verificare in prima persona lo stato dello smantellamento, l'ottima gestione delle procedure e della sicurezza e i programmi ancora da portare a termine da qui al 2028-2030, che vanno dallo smantellamento degli ultimi edifici al recupero delle aree con la creazione dei parchi tecnologici.

Un ulteriore obiettivo dell'originale tour è però certamente legato alla futura destinazione di quel 3-4% di materiale radioattivo che non si può recuperare col riprocessamento e che nei prossimi anni dovrebbe cominciare a rientrare in Italia, vetrificato in contenitori che dovrebbero essere destinati a un deposito nazionale per il quale tuttavia non si è trovato un accordo (politico e nella società civile) per la sua ipotetica collocazione. L'Open Gate nucleare è dunque anche un'occasione per riaprire il complesso e difficile discorso sulle scorie nucleari.

11 marzo 2019 Raymond Zreick
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us