Energia

Nucleare a fotoni: più sicuro e costa meno

Un nuovo processo sviluppato negli Stati Uniti permetterebbe di ottenere corrente elettrica direttamente dagli isotopi radioattivi. Si apre la strada verso la realizzazione di impianti più sicuri e a costi più contenuti, ma servono ancora molti studi.
(Alessandro Bolla, 16 aprile 2009)

Ancora oggi, anche nelle centrali nucleari più moderne, la produzione di corrente elettrica passa per una tecnologia vecchia di secoli: la macchina a vapore. Il calore sprigionato dalle reazioni di fissione viene infatti utilizzato per generare vapore e mettere in moto le turbine che producono l’elettricità. Il sistema è però poco efficiente, perché disperde una grande quantità di energia durante la conversione.
Per risolvere questo problema i ricercatori dell’Università del Missouri hanno recentemente sviluppato, anche se solo a livello matematico, un processo di nuova concezione che permette la conversione diretta dell’energia nucleare in corrente elettrica senza stadi intermedi. Il RECS (Radioisotope Energy Conversion System), cattura gli ioni liberati direttamente dai radioisotopi e li indirizza verso un generatore di fotoni, la componente base della luce. I fotoni così ottenuti vengono convogliati su cellule fotovoltaiche e qui convertiti in energia elettrica senza perdite di efficienza.

Lampadina atomica. La tecnologia RECS non è una novità in senso assoluto: i ricercatori dell’Università del Missouri già nel 1980 avevano sviluppato un processo che consentiva loro di ottenere corrente elettrica a partire dalla luce emessa da una "lampadina nucleare" cioè un dispositivo in grado di convertire in fotoni gli ioni ad alta energia degli isotopi.Secondo i ricercatori la tecnologia RECS dovrebbe consentire la realizzazione di impianti nucleari più piccoli, più sicuri e meno costosi rispetto alle attuali centrali a fissione.

Ma il nucleare pulito esiste? Scoprilo con il multimedia di Focus.it

16 aprile 2009
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us