Energia

Le scorie nucleari: sono inutili e pericolosi rifiuti?

12 marzo 2010 - Il problema dei rifiuti radioattivi prodotti durante il funzionamento delle centrali nucleari ha sempre generato paura e sconcerto, alimentati da alcuni eventi drammatici accaduti nel passato e sostenuti dalla difficoltà di ottenere informazioni precise e scientificamente corrette. L'evoluzione tecnologica attuale ha consentito di sviluppare sistemi assai efficienti per il controllo delle reazioni nucleari che avvengono all'interno di una pila nucleare e per il mantenimento di elevati livelli di sicurezza.
Il problema delle scorie radioattive, tuttavia, presenta ancora alcuni aspetti irrisolti che richiedono la collaborazione di tutta la comunità internazionale.

Ne parla questa sera Adriano Duatti, professore Associato di Chimica Generale ed Inorganica all'università di Ferrara, in un incontro che inizia alle 21 nell'Aula Magna dell'Università, e che può essere seguito in diretta audio/video collegandosi a UniFe TV. (Ulteriori informazioni sul tema e sul relatore a questo indirizzo.)

Al termine dell'incontro tutti possono porre domande al professor Duatti via e-mail (venerdiuniverso@fe.infn.it) o per telefono (0532 97 4748).

L'incontro si inserisce nell'ambito dei "Venerdì dell'Universo", appuntamenti con la scienza organizzati dall'Università di Ferrara: il programma completo è a questo indirizzo.

Le registrazioni di tutti gli incontri dovrebbero essere disponibili nei prossimi mesi attraverso i consueti canali Internet. Focus.it sta tuttavia lavorando insieme al dipartimento di Fisica dell'università per offrire fin da subito ai suoi lettori alcune registrazioni, sia per alimentare il dibattito su temi di attualità con interventi di eccellenza sia per raccogliere ulteriori domande specifiche da rivolgere in un secondo momento ai relatori. Le domande possono essere raccolte nella discussione aperta nei forum di Focus.it a questo indirizzo.

12 febbraio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us