Energia

Le scorie nucleari: sono inutili e pericolosi rifiuti?

12 marzo 2010 - Il problema dei rifiuti radioattivi prodotti durante il funzionamento delle centrali nucleari ha sempre generato paura e sconcerto, alimentati da alcuni eventi drammatici accaduti nel passato e sostenuti dalla difficoltà di ottenere informazioni precise e scientificamente corrette. L'evoluzione tecnologica attuale ha consentito di sviluppare sistemi assai efficienti per il controllo delle reazioni nucleari che avvengono all'interno di una pila nucleare e per il mantenimento di elevati livelli di sicurezza.
Il problema delle scorie radioattive, tuttavia, presenta ancora alcuni aspetti irrisolti che richiedono la collaborazione di tutta la comunità internazionale.

Ne parla questa sera Adriano Duatti, professore Associato di Chimica Generale ed Inorganica all'università di Ferrara, in un incontro che inizia alle 21 nell'Aula Magna dell'Università, e che può essere seguito in diretta audio/video collegandosi a UniFe TV. (Ulteriori informazioni sul tema e sul relatore a questo indirizzo.)

Al termine dell'incontro tutti possono porre domande al professor Duatti via e-mail (venerdiuniverso@fe.infn.it) o per telefono (0532 97 4748).

L'incontro si inserisce nell'ambito dei "Venerdì dell'Universo", appuntamenti con la scienza organizzati dall'Università di Ferrara: il programma completo è a questo indirizzo.

Le registrazioni di tutti gli incontri dovrebbero essere disponibili nei prossimi mesi attraverso i consueti canali Internet. Focus.it sta tuttavia lavorando insieme al dipartimento di Fisica dell'università per offrire fin da subito ai suoi lettori alcune registrazioni, sia per alimentare il dibattito su temi di attualità con interventi di eccellenza sia per raccogliere ulteriori domande specifiche da rivolgere in un secondo momento ai relatori. Le domande possono essere raccolte nella discussione aperta nei forum di Focus.it a questo indirizzo.

12 febbraio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us