Energia

La protesta dei nativi paralizza il Canada

Le tribù locali tengono in scacco il Canada, bloccandoo il traffico ferroviario in Ontario: un nuovo gasdotto dovrebbe passare attraverso i loro territori.

I Wet'suwet'en sono sul piede di guerra: sulla loro terra il gasdotto non deve passare. Siamo in Canada, nella Columbia Britannica, all'altezza di Belleville (Ontario). Qui i nativi canadesi e i loro sostenitori da giorni stanno bloccando i binari della ferrovia. Oggetto del contendere: la costruzione del gasdotto Coastal GasLink, opera dal valore di 4,6 miliardi che dovrebbe trasportare gas naturale dalla Columbia Britannica al Pacifico attraversando pertanto il territorio delle Prime nazioni.

Indomabili da sempre: su Focus Storia 161 tutte le battaglie dei nativi americani in difesa delle loro terre. © Focus

GHETTIZZATI. I Wet'suwet'en rappresentano il 5 per cento della popolazione canadese e, come molte comunità di nativi, vivono tutt'oggi ai margini della società, con un basso livello di istruzione e povertà diffusa (ci sarebbero addirittura problemi di accesso all'acqua potabile).

Su Focus Storia 161, un lungo dossier racconta come sono nate le cosiddette "riserve indiane", ossia porzioni di terre assegnate alle varie tribù incontrate (e falcidiate) dai bianchi affamati di terre tra il 1776 (anno di nascita degli Usa) e il 1890 (ultima battaglia delle Guerre indiane combattute contro i nativi).

Per il capo del governo Justin Trudeau è una bella gatta da pelare, costretto in un gioco di equilibrismi fra l'esigenza di sostenere l'industria energetica e la volontà di migliorare i rapporti con i popoli nativi. Per Trudeau, inoltre, c'è anche il rischio di perdere l'agognato seggio al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite: posto, questo, funzionale al ritorno del Canada ai grandi tavoli internazionali.

Ha collaborato Emanuela Cruciano.

25 febbraio 2020 Anita Rubini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us