Energia

In Sudafrica un aeroporto a energia solare

È il primo in un continente baciato dal Sole: a regime, produrrà tutta l'energia di cui ha bisogno per funzionare.

Anche per le infrastrutture sono possibili strategie per la riduzione delle emissioni, dirette e indirette: lo dimostra il Sudafrica, che ha inaugurato il primo aeroporto a energia solare del continente africano. Un impianto solare di 200 metri quadrati è stato infatti inaugurato nel George Airport, che serve circa 600 mila passeggeri l'anno nella provincia di Western Cape.

Un passo alla volta. L'impianto, costruito in sei mesi e costato quasi un milione di dollari (915 mila euro) coprirà in questa prima fase il 41% del fabbisogno energetico dell'aeroporto, ha fatto sapere la Airports Company South Africa, la compagnia statale che ha in gestione lo scalo e che vuole ridurre la sua dipendenza energetica dalla rete nazionale.

Risparmio idrico. Una volta a regime, la distesa di pannelli solari dovrebbe rendere l'aeroporto autosufficiente dal punto di vista energetico. Nel suo primo mese di attività, l'impianto ha prodotto 47 megawatt ora di energia, e si pensa che potrebbe far risparmiare 1,2 milioni di litri d'acqua all'anno (perché i pannelli ne richiedono meno di quanta ne serva per un impianto a carbone o nucleare).

Il buon esempio. Il George Airport sarà il primo aeroporto solare africano, ma non il primo al mondo. Questo primato spetta all'India, che lo scorso anno ha inaugurato, in Kerala, il Cochin International Airport Limited, il primo aeroporto solare del pianeta, costato 9,5 milioni di dollari (8,7 milioni di euro). Lo scalo indiano produce 60 mila unità al giorno di energia pulita, più di quanta ne richieda.

2 marzo 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us