Energia

Il bilancio 2016 degli investimenti in energie rinnovabili

Dal report di Bloomberg New Energy Finance: nel 2016 gli investimenti globali in energie rinnovabili si sono ridotti. Sono però aumentati i grandi impianti, segno che queste tecnologie sono più competitive.

Il costo decrescente dell'energia da fonti rinnovabili è la (lunga) strada verso la decarbonizzazione del sistema energetico mondiale. Negli ultimi anni, quella parte di mondo che ha accettato il cambiamento climatico come una realtà scientificamente dimostrata ha continuato a intraprendere iniziative per rendere le rinnovabili le fonti energetiche più importanti per il nostro pianeta. Gli sforzi, rileva l'agenzia Bloomberg New Energy Finance (BNEF), non sono stati inutili.

Tra riduzioni e aumenti. In base alle attuali tendenze, l'agenzia Bloomberg ha stimato un aumento del 169% nella produzione di energia da fonti rinnovabili entro il 2040, con 7,4 trilioni di dollari investiti in nuovi impianti nello stesso arco di tempo (trillion, equivalente a 1.000 miliardi negli Usa e nel mondo anglosassone).

I dati sono globalmente positivi, nonostante a prima vista l'impressione sia differente.

Già prima dell'attuale smarcamento di Trump dagli accordi sul clima di Parigi, nel 2016 gli investimenti in green power erano scesi del 18% in tutto il mondo. L'anno scorso sono stati investiti "solo" 287,5 miliardi di dollari dopo che nel 2015 era stato raggiunto il record di 378,5 miliardi.

Tuttavia, nonostante questa diminuzione degli investimenti, la costruzione di nuovi impianti è aumentata.

Ciò è dovuto soprattutto grazie alla maggiore competitività delle apparecchiature solari ed eoliche, tra riduzione dei costi e aumento degli incentivi.

Quali energie? Sono l'eolico e il solare (nelle sue diverse applicazioni tecnologiche) a prendersi la maggior parte degli investimenti. In particolare, l'eolico off-shore (cioè le pale eoliche posizionate in mare aperto) sembra rappresentare la nuova frontiera dell'energia green.

È questo, infatti, il settore nel quale, nel corso del 2016, si è investito di più. La spesa per impianti off-shore è valsa 29,9 miliardi di dollari, con un incremento del 40% rispetto all'anno precedente. I produttori europei e cinesi (i principali player) hanno cavalcato l'onda degli incentivi e delle innovazioni tecnologiche.

Il report integrale Bloomberg:
Global trends in clean energy investment (PDF)

Il ruolo dell'Asia. La spinta maggiore verso una riconversione del sistema di produzione dell'energia arriva dall'Asia. Cina e Giappone sono tra coloro che stanno contribuendo maggiormente al cambiamento. Dopo anni di investimenti record, però, sono proprio i due colossi asiatici ad avere rallentato di più negli investimenti in nuove installazioni, per concentrare invece risorse nell'efficienza tecnologica degli impianti esistenti.

Una giornata qualunque a Liaocheng, in Cina. © REUTERS/Stringer

L'anno scorso i cinesi hanno investito 87,8 miliardi di dollari, il 26% in meno rispetto al 2015 (119 miliardi). Il Giappone ha fatto registrare una riduzione ancora maggiore: -43%. «Dopo anni di investimenti record, sostenuti da importanti scelte politiche ed economiche (feed-in), la Cina e il Giappone stanno riducendo la costruzione di nuovi impianti su larga scala e spostano i loro investimenti verso il potenziamento degli impianti in essere», ha dichiarato Justin Wu, responsabile della regione Asia-Pacifico (APAC) di BNEF.

Nonostante questo, la regione Asia-Pacifico (APAC) è quella dove si registrano i maggiori investimenti in energie rinnovabili per il quinto anno consecutivo: attualmente vale il 47% del totale mondiale.

13 luglio 2017 Andrea Rubin
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us