Energia

La frenata dei treni che accende le stazioni

La metropolitana di Londra sperimenta un innovativo sistema di frenata rigenerativa in grado di recuperare l'energia dissipata dai treni in frenata per convertirla in corrente elettrica. E funziona.

Frena che ti ricarichi: nel giro di qualche anno potrebbe diventare il nuovo slogan della metropolitana di Londra. London Underground sta infatti sperimentando una nuova tecnologia per la produzione di corrente elettrica durante le frenate dei treni al loro ingresso in stazione, con un sistema analogo a quello adottato da tempo nei veicoli ibridi ed elettrici.

Metro...verde. I primi risultati sono incoraggianti: secondo l’azienda già nei primi giorni di test la produzione di corrente elettrica si è attestata intorno a 1 Megawattora al giorno, abbastanza per rendere autonoma due giorni la settimana un’intera stazione di medie dimensioni.

Ma come funziona questa tecnologia? Durante la frenata uno speciale sistema recupera l’energia che solitamente viene dissipata sotto forma di calore dall’attrito dei freni e la trasforma in corrente elettrica che viene immessa sulla rete. A Londra il primo inverter per il recupero della corrente elettrica prodotta dai freni è stato installato nei pressi di Victoria Station.

Passeggeri al fresco. Il sistema non solo potrebbe contribuire a migliorare i conti dell’azienda ma anche il benessere dei passeggeri, per esempio recuperando il calore generato dai treni e riducendo la temperatura all’interno delle stazioni, soprattutto durante i mesi estivi, e abbassando i costi di condizionamento.

1 ottobre 2015 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us