Energia

2016: cala l'uso del carbone

Cina e India hanno ridotto l'uso del carbone: un passo in avanti per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici, ma ancora non basta.

L’energia elettrica prodotta nel mondo a partire dal carbone è scesa del 14% durante la prima metà del 2016. Lo rivela un rapporto della Global Coal Plant Tracker.

La produzione di energia dal carbone era già in discesa, negli ultimi anni, ma a tassi notevolmente inferiore a quanto successo in questi primi 6 mesi del 2016. Secondo i dati, l’energia elettrica prodotta da carbone è scesa da 1.090 gigawatt all’inizio del 2016 a 932 GW in luglio. La riduzione, 158 gigawatt, è paragonabile a tutta l’energia prodotta da carbone nell’Unione Europea. Ma non sono stati i Paesi europei gli artefici principali della riduzione, bensì la Cina (-114 GW) e l’India (-40 GW).

carbone, energia elettrica, gas serra, riscaldamento globale, inquinamento
La riduzione nella produzione di energia elettrica da carbone nei primi mesi del 2016: clicca sull'immagine per ingrandirla. © IEA

I nuovi Paesi virtuosi. Negli ultimi mesi Cina e India avevano annunciato importanti provvedimenti mirati a una forte riduzione delle centrali a carbone. Anche altri Paesi del sudest asiatico hanno seguito il loro esempio: il Vietnam, ad esempio, ha rivisto il suo piano energetico e cancellato o rinviato la costruzione di nuve centrali a carbone per un totale di 23 GW, e l’Indonesia, che ha spostato a data da definire la costruzione di centrali a carbone per 7 GW.

Non basta. Va comunque sottolineato che nonostante questi risultati, benché positivi per la riduzione di gas serra e di particolato atmosferico, l’uso del carbone nel mondo (con i tanti progetti di costruzione di nuove centrali) produrrà una quantità di anidride carbonica che non permetterà di contenere l’aumento della temperatura terrestre al di sotto di 1,5 °C.

Le proiezioni suggeriscono che non diminuiranno neppure i decessi correlati all’inquinamento atmosferico, che secondo la International energy agency (IEA) sono 6,5 milioni di persone l'anno.

11 settembre 2016 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us