Energia

2016: cala l'uso del carbone

Cina e India hanno ridotto l'uso del carbone: un passo in avanti per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici, ma ancora non basta.

L’energia elettrica prodotta nel mondo a partire dal carbone è scesa del 14% durante la prima metà del 2016. Lo rivela un rapporto della Global Coal Plant Tracker.

La produzione di energia dal carbone era già in discesa, negli ultimi anni, ma a tassi notevolmente inferiore a quanto successo in questi primi 6 mesi del 2016. Secondo i dati, l’energia elettrica prodotta da carbone è scesa da 1.090 gigawatt all’inizio del 2016 a 932 GW in luglio. La riduzione, 158 gigawatt, è paragonabile a tutta l’energia prodotta da carbone nell’Unione Europea. Ma non sono stati i Paesi europei gli artefici principali della riduzione, bensì la Cina (-114 GW) e l’India (-40 GW).

carbone, energia elettrica, gas serra, riscaldamento globale, inquinamento
La riduzione nella produzione di energia elettrica da carbone nei primi mesi del 2016: clicca sull'immagine per ingrandirla. © IEA

I nuovi Paesi virtuosi. Negli ultimi mesi Cina e India avevano annunciato importanti provvedimenti mirati a una forte riduzione delle centrali a carbone. Anche altri Paesi del sudest asiatico hanno seguito il loro esempio: il Vietnam, ad esempio, ha rivisto il suo piano energetico e cancellato o rinviato la costruzione di nuve centrali a carbone per un totale di 23 GW, e l’Indonesia, che ha spostato a data da definire la costruzione di centrali a carbone per 7 GW.

Non basta. Va comunque sottolineato che nonostante questi risultati, benché positivi per la riduzione di gas serra e di particolato atmosferico, l’uso del carbone nel mondo (con i tanti progetti di costruzione di nuove centrali) produrrà una quantità di anidride carbonica che non permetterà di contenere l’aumento della temperatura terrestre al di sotto di 1,5 °C.

Le proiezioni suggeriscono che non diminuiranno neppure i decessi correlati all’inquinamento atmosferico, che secondo la International energy agency (IEA) sono 6,5 milioni di persone l'anno.

11 settembre 2016 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us