Energia

Come rendere più confortevole il lavoro dei manutentori

Enel ha lanciato una challenge per rendere più confortevole il lavoro dei manutentori sugli impianti elettrici in base a nuovi criteri di innovazione.

[Contenuto sponsorizzato]

Chi lavora su impianti elettrici a bassa tensione deve indossare particolari indumenti realizzati in tessuti antistatici, antiinfiammabili e di adeguata resistenza meccanica.

 

Attualmente l'abbigliamento con queste caratteristiche non risulta particolarmente confortevole, soprattutto nella stagione estiva, quando ci sono condizioni di alta temperatura e umidità.

 

È possibile individuare indumenti protettivi confortevoli? Per trovare una soluzione innovativa, Enel ha lanciato una delle sue challenge sulla piattaforma di crowdsourcing Open Innovability. Con questa modalità è stato possibile infatti aprirsi a un ventaglio di proposte provenienti da platea più ampia rispetto a quella dei tradizionali canali di sourcing.

L'obiettivo per Enel era fornire ai propri addetti gli indumenti che rispettassero le richieste di sicurezza e risultassero più confortevoli, così da migliorare le prestazioni di comfort termo-fisiologico rispetto ai valori attuali.

Le soluzioni vincitrici, proclamate a maggio 2020, sono state selezionate in base alla rispondenza ai requisiti tecnici specificati con la challenge (l'innovazione della proposta, la struttura, la credibilità e la sostenibilità della proposta) e hanno ben definito la roadmap di validazione del tessuto e dell'indumento completo (giacca e pantalone).

Per saperne di più e scoprire le soluzioni vincitrici:

https://openinnovability.enel.com/projects/comfortable-protective-summer-clothing-for-electrical-work-activities


Per il vincitore è prevista la collaborazione con Enel.

 
5 giugno 2020
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us