Energia

Combustibile low cost dai fondi del caffè

Un team di scienziati ha messo a punto un nuovo processo che consente di ottenere metano a basso costo utilizzando i fondi del caffè. Si risparmia e si fa bene all'ambiente. 

Nel mondo si bevono ogni anno circa 400 miliardi di tazzine di caffè: secondo Christian Kemp e i suoi colleghi della Pohang University of Science and Technology (Corea), potrebbero diventare altrettante occasioni per ripulire l’ambiente e ottenere combustibile a basso costo.


Caffè energetico. Il team di scienziati ha infatti messo a punto un nuovo procedimento che utilizza i fondi del caffè per catturare il metano presente nell’atmosfera, ottenendo così un duplice vantaggio: la riduzione di un importante gas serra e l’accumulo, a costi ridotti, del prezioso combustibile.

Il processo sembra relativamente semplice: i fondi del caffè vengono inzuppati in idrossido di sodio e riscaldati in una fornace a 700-900 °C: in meno di 24 ore si ottiene carbonio attivato in grado di catturare metano dall’atmosfera.

Dal punto di vista industriale il procedimento è conveniente, perché utilizza materiali di scarto e richiede "tempi di cottura" di gran lunga inferiori rispetto a quelli necessari per la realizzazione di altri materiali con proprietà simili.

Curiosità... I fondi del caffè sembrano essere la chiave di questa piccola rivoluzione green: «Una volta aggiunto l’idrossido di sodio i fondi diventano capaci di assorbire praticamente qualunque cosa», spiega Kemp.

Lo studio, pubblicato su Nanotechnology, pare abbia avuto una genesi inconsueta: sarebbe stato ispirato dai fondi rimasti nelle tazze di caffè di Kemp e colleghi durante le loro riunioni. Adesso però si pone una questione importante (per noi): non è che ci toccherà fare la raccolta differenziata anche dei fondi del caffè?

7 settembre 2015 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us