Energia

Davvero il caro carburante ci offre anche alcuni vantaggi?

Il costo altissimo del carburante potrebbe essere un buon acceleratore della transizione energetica. Ma ad alcune condizioni che non piacerebbero all'industria.

In Italia il pieno di una vettura di media cilindrata è arrivato a costare più di 100 euro. Quello di un camion può sfiorare i 1000. Prezzi altissimi, che vanno a pesare sul bilancio delle famiglie e sui consumi. Scenario simile per ciò che riguarda il prezzo del gas: in assenza di interventi determinanti sul costo della materia prima da parte delle autorità pubbliche, il prossimo inverno vedrà molte persone costrette a scegliere se fare la spesa o accendere il riscaldamento.

I governi, soprattutto quelli occidentali, dal canto loro, stanno provando a contenere questo smisurato incremento dei prezzi dei combustibili fossili attuando politiche per alcuni aspetti incoerenti una con l'altra. Perché, se da una parte stanno incentivando lo sviluppo e l'adozione di fonti alternative e sostenibili, dall'altra stanno tagliando le imposte su gas, petrolio e derivati al fine di ridurre il prezzo per il consumatore finale.

Eppure per mantenere fede agli accordi di Parigi sul clima e contenere entro 1,5°C l'aumento della temperatura rispetto all'era preindustriale, occorre ridurre drasticamente l'utilizzo di combustibili fossili. E il modo più semplice per farlo, per quanto impopolare, è proprio quello di tenere alti i prezzi.

Energie pulite. I governi dovrebbero quindi essere così lungimiranti da utilizzare i proventi, cioè le tasse, derivanti dalla vendita a caro prezzo di gas, petrolio e carburanti vari per finanziare lo sviluppo di fonti alternative e per rendere più che competitivo il loro prezzo sul mercato. Solo così i cittadini saranno invogliati a scegliere energie pulite rispetto a quelle convenzionali.

Ma come si può tenere artificialmente alto il prezzo dei combustibili senza scatenare il malcontento tra i cittadini? Secondo uno studio dell'International Energy Agency tra il 2008 e il 2015 in ben 41 paesi ci sono state rivolte causate dal caro carburante. 

Tasse, verdi tasse. Per evitare questo rischio i governi devono assicurarsi che da qui al 2050, data in cui si dovrebbe raggiungere il traguardo delle zero emissioni, le aziende del settore energetico tradizionale ottengano profitti sufficienti a remunerare lavoratori e azionisti ma non abbastanza alti per permettere di effettuare nuovi investimenti.

Ciò significa che qualunque extra profitto dovrebbe essere tassato e utilizzato per finanziare le energie pulite. E, nell'immediato, essere redistribuito alle famiglie sotto forma di contributi pubblici per affrontare il caro carburante. L'impennata dei prezzi degli ultimi mesi, pur essendo una vera tragedia per milioni di persone soprattutto nei Paesi più poveri, potrebbe insomma rappresentare un'occasione da non sprecare per accelerare la transizione energetica.

9 luglio 2022 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us