Contenuto sponsorizzato

AgriForFuture: l'agricoltura verso un futuro più sostenibile

La transizione ecologica passa anche attraverso la revisione delle pratiche agricole perché siano sempre più rispettose dell'ambiente. E se ridurre le emissioni di CO₂ potesse, oltre che aiutare il clima, essere un'opportunità per gli imprenditori del settore? 

 

 

Consegnare alle future generazioni un Pianeta più pulito.

Tra gli obiettivi del programma Next Generation EU, varato nel 2020 dall'Unione Europea per risanare le perdite causate dalla pandemia, c'è anche quello di incentivare la transizione ecologica fornendo agli Stati membri le risorse finanziarie necessarie per attuare le riforme in tema ambientale.

Non si tratta solo di intervenire nei settori dell'industria pesante: diversamente da quanto generalmente si pensa, l'impatto del mondo agricolo sui cambiamenti climatici e sui livelli di inquinamento non è affatto trascurabile; diventa, quindi, sempre più urgente, una revisione dei processi produttivi nel sistema agricolo per introdurre pratiche più sostenibili.

Un approccio innovativo alla sostenibilità in agricoltura

Oggi l'agricoltura intensiva è in grado di produrre molto più cibo, ma la sua pratica spesso provoca danni ambientali, contribuendo all'inquinamento, allo sfruttamento indiscriminato delle risorse e alla distruzione della biodiversità. Non ci può essere transizione ecologica, quindi, senza un forte ridimensionamento dell'impatto che le pratiche agricole hanno sull'ambiente.

Nel 2020 la Commissione Europea ha messo a punto il piano decennale Farm to Fork, contenuto all'interno dell'European Green Deal, sottolineando quanto sia urgente trasformare il sistema alimentare europeo, di cui l'agricoltura fa parte, e renderlo più sostenibile. L'obiettivo della strategia europea è guidare la transizione verso un sistema alimentare sano e rispettoso dell'ambiente, che fra le altre misure prevede entro il 2030 la riduzione del 20% dell'impiego di fertilizzanti e del 50% dell'impiego di pesticidi, e la destinazione ad agricoltura biologica del 25% della superficie agricola europea¹. 

Molte aziende agricole vorrebbero dare un contributo concreto alla lotta ai cambiamenti climatici, ma i rischi che la transizione verso un'economia a bassa emissione di carbonio comporta spesso bloccano le loro buone intenzioni. Alens – azienda leader nella consulenza e nel supporto della definizione di strategie di sostenibilità – aiuta tutte quelle realtà che desiderano mettere in campo azioni innovative per il clima, mostrando loro come sia possibile intraprendere un percorso di decarbonizzazione e, al tempo stesso, creare valore a lungo termine (e ricavi) per la propria attività.

Sostenibilità, innovazione e cura del territorio: il progetto AgriForFuture

Studiare un piano strategico di "carbon reduction" e, contemporaneamente, creare un'opportunità di crescita per le aziende agricole che si impegnano a ridurre le loro emissioni di CO₂: è con questi obiettivi che nasce AgriForFuture, l'iniziativa rivolta al mondo dell'agricoltura e dell'industria agroalimentare che Alens porta avanti insieme ad alcuni partner.

I terreni, se gestiti in modo sostenibile, possono avere un ruolo chiave nella lotta ai cambiamenti climatici per la loro capacità di immagazzinare carbonio, riducendo le emissioni di gas serra. Al contrario, se gestiti in ottica di solo sfruttamento, il carbonio contenuto nel terreno può essere rilasciato nell'atmosfera sotto forma di anidride carbonica, e quindi addirittura contribuire in modo negativo al cambiamento climatico (l'uso di fertilizzanti per accelerare la crescita, ad esempio, immette nell'ambiente CO₂).

AgriForFuture, grazie anche agli strumenti migliorativi delle pratiche agricole offerti dai partner, propone alle aziende agricole di pianificare e valorizzare progetti sostenibili che migliorino la produttività, riducendo l'impatto delle pratiche agricole convenzionali sull'ambiente. Sempre più spesso si usa la parola "sostenibile", ma stabilire quanto le azioni che un'azienda mette in atto abbiano davvero un riscontro positivo sull'ambiente non è poi così immediato. Il progetto AgriForFuture vuole, invece, dimostrare come sia possibile certificare la capacità delle aziende di trasformare le buone pratiche agricole in concreti risultati alla lotta ai cambiamenti climatici e convertirli in valore per l'azienda. 

In che modo si può generare valore in agricoltura riducendo le emissioni di CO₂?

Per generare ricchezza in un'ottica di economia circolare, AgriForFuture offre agli imprenditori agricoli strumenti migliorativi per le attività produttive con la finalità di generare e sfruttare i "carbon credits". In questo modo, è possibile dare un doppio valore ai terreni: il primo, relativo alla produzione agricola, il secondo, legato al tema della sostenibilità ambientale. Ma vediamo come funziona.

Consulenza agronomica. Il percorso inizia con una consulenza mirata e personalizzata che suggerisce all'imprenditore agricolo come introdurre pratiche più sostenibili, aumentare la biodiversità e il tenore di carbonio nel suolo dei suoi campi.
Grazie a queste azioni l'imprenditore può prendersi cura del suo terreno e migliorarne la produttività, ma non solo: scopre anche come sia possibile fare stoccaggio di CO₂, ad esempio, utilizzando tecnologie da applicare ai terreni o alle strutture dell'azienda, come l'Agrivoltaico o l'Agrisolare.

Certificazione. Le tonnellate di CO₂ emesse e quelle assorbite dal terreno vengono poi quantificate e certificate. L'obiettivo della piattaforma AgriForNeutrality, quindi, è di incrementare e certificare la capacità del suolo agricolo di stoccare carbonio e tramutare quel risultato in un'importante opportunità per gli imprenditori del settore. Una realtà agricola che vuole integrare azioni sostenibili per il clima potrà quindi concretamente acquisire dei crediti certificati rispetto alla dimostrata riduzione delle emissioni, e poi utilizzarli per compensare le sue emissioni o vendere su apposita piattaforma che offre anche progetti Made in Italy, i "carbon credits" non utilizzati per ottenere un ritorno economico. 

Energia da fonti rinnovabili. AgriForFuture, inoltre, resta accanto agli imprenditori agricoli per offrire consulenza rispetto a progetti di transizione energetica e di produzione di energia da fonti rinnovabili.

Cosa sono i carbon credits e come si spendono?

Le soluzioni per ridurre e/o annullare le emissioni totali della propria realtà agricola consentono all'imprenditore di iniziare un percorso di miglioramento che porta la sua azienda a diventare produttrice di crediti di carbonio. Con il programma AgriForFuture, dimostrando l'impatto positivo sull'ambiente che le azioni sostenibili hanno avuto una volta introdotte, è poi possibile quantificare le tonnellate di CO₂ stoccate e sottoporre i risultati agli enti di certificazione per la generazione dei crediti di carbonio. Un carbon credit corrisponde a un certificato digitale che attesta che un'azienda ha evitato di emettere nell'atmosfera una tonnellata di CO₂ in un anno. Sulla piattaforma di scambio gli imprenditori agricoli possono compensare le loro emissioni di CO₂ oppure vendere i crediti di carbonio eccedenti alle aziende che vogliono ridurre o azzerare il loro impatto ambientale, pur non potendo intervenire direttamente sulle proprie emissioni. In questo modo, tutti possono avere un ruolo attivo nella lotta ai cambiamenti climatici.

I vantaggi del progetto AgriForFuture

AgriForFuture vuole rinnovare il modo di fare agricoltura, permettendo alle aziende agricole di contribuire concretamente ad un futuro migliore per il nostro Pianeta, attraverso interventi volti alla lotta ai cambiamenti climatici e alla cura del territorio che hanno un forte impatto su:

  • Produttività: il percorso di decarbonizzazione, attraverso strategie più sostenibili, è finalizzato anche al miglioramento delle pratiche agricole, per avere un incremento della produttività e della qualità;
  • Produzione di energia da fonti rinnovabili: introducendo soluzioni per la produzione autonoma di energia da fonti rinnovabili si aiuta l'ambiente e si riduce al contempo la spesa energetica;
  • Compensazione "Made in Italy": è possibile attraverso AgriForNeutrality compensare le emissioni senza necessità di acquistare all'estero, ma utilizzando progetti di carbon credits Made in Italy in esclusiva;
  • Ricavi: la vendita dei carbon credits generati tramite la piattaforma di Alens permette di avere extra ricavi per l'azienda.

Tutte le info sul progetto su www.agriforfuture.eu

¹ Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, 2021, Transizione Ecologica Aperta. Dove va l'ambiente italiano?

8 marzo 2023 - Contenuto sponsorizzato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us