Il giorno in cui fu rapita Monna Lisa
Il 21 agosto 1911 Vincenzo Peruggia, decoratore italiano emigrato in Francia, rubò dal Louvre la Gioconda. Anni dopo la tirò fuori da sotto il letto, dicendo: “L’ho rubata per l’Italia”.
10 cose che (forse) non sai su Napoleone Bonaparte
La storia (e i falsi miti) di Napoleone Bonaparte a 250 anni dalla nascita.
Ferragosto: la sua storia
La festa più attesa dell'estate ha origini nella storia dell'Antica Roma, poi intrecciate con la tradizione cattolica.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Origini (e declino) dei calienti Borgia
Imprese, vizi e virtù della famiglia che, partita dalla Spagna alla conquista del potere, giunse in Italia a crearsi... una pessima fama.
Di che religione saremmo senza il cristianesimo?
Se non si fosse affermata la religione cristiana, oggi in Occidente si praticherebbe probabilmente uno dei tanti culti pagani di età romana. E forse saremmo devoti al dio Mitra.
Chi fu davvero Vercingetorige?
Per i francesi era (ed è) un eroe nazionale, per i romani il nemico pubblico numero uno: la storia del capo carismatico che riuscì a unire le bellicose tribù galliche contro le legioni di Cesare.
Chi è stato il primo reporter di guerra?
Correva l'anno 1853: uno storico quotidiano inglese decise di mandare al fronte un suo corrispondente di punta. Nasceva il reportage di guerra.
I preservativi nella Storia: secoli di esperimenti
Prima che arrivassero i preservativi in lattice l'uomo ha provato davvero di tuttto per evitare gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili. Inclusi curiosi "cappucci" in crine di mula
Donne e divorzio: come funzionava in passato?
Quando non c'erano gli alimenti e il divorzio era un tabù, che ne era delle donne che uscivano dal nucleo famigliare?
Come si utilizzavano i piccioni viaggiatori?
I piccioni viaggiatori sono stati per molto tempo il più veloce mezzo di comunicazione disponibile, grazie alla loro abilità nel trovare la via del ritorno al nido.
Il Trono di Spade in salsa Maya
Su un altare di 1500 anni fa in Guatemala gli indizi dell'astuzia politica messa in campo dalla dinastia del Serpente per neutralizzare i rivali: dalle manovre religiose alle alleanze con le città vicine.