Storia

Chi erano e cosa facevano i siciliani di 3.000 anni fa?

Elimi, Sicani, Siculi, Greci: chi erano e come vivevano i popoli che abitavano la Sicilia prima dell'arrivo dei Romani?

Da sempre la posizione strategica e un gran numero di approdi naturali hanno reso la Sicilia una piazzola di sosta privilegiata nell'"autostrada d'acqua" del Mediterraneo.

Se ne resero conto i commercianti che, nell'antichità, navigavano verso occidente e chi, attraversando lo stretto braccio di mare che separa Sicilia e Calabria, approdò da queste parti, accorgendosi di aver trovato una terra ospitale, ideale per stabilirvisi.

Storia sicilia
L'acropoli di Selinunte, antica città greca situata sulla costa sud-occidentale della Sicilia. © Urban commonswiki

Triangolare. A chiamarla Trinacria per la sua forma (da treis, “tre”, e akra, “promontori”) furono i Greci, notoriamente fissati per la geometria. Ma prima di loro l'isola fu abitata da molte altre popolazioni.

I primi abitanti a rendersi conto dei vantaggi di quest'isola così fertile furono infatti i Sicani, seguiti da Siculi ed Elimi.

Lo storico greco Tucidide (V secolo a. C.) racconta che i Sicani erano approdati in Sicilia provenendo dalla Spagna. Ma su questo dato non tutti concordano. «Contrariamente a quanto affermano gli scrittori antichi, sono convinto che il popolo sicano, così come quello siculo, si sia formato direttamente in Sicilia» spiegava in un'intervista a Focus Storia (Focus Storia 22, Agosto 2008) Vincenzo La Rosa, docente di Archeologia e antichità egee all’Università di Catania.

«Ciò avvenne quando le genti che già dal III millennio a. C. abitavano il territorio centrale e sud-occidentale dell’isola, prima del 1000 a. C. furono costrette a confrontarsi con i popoli che arrivavano dal mare. Fu allora che si resero conto di avere una lingua comune e gli stessi usi e costumi. Capirono insomma di essere diventati un solo popolo: i Sicani.

Storia sicilia
Tempio di Segesta (Trapani), città elima. © Effems/WikiMedia

Crocevia di popoli. La nascita dei Sicani dovette precedere di poco l'arrivo da Calabria, Campania e Puglia di tribù di popoli italici abili nel lavorare il bronzo e allevare i cavalli. Dopo aver attraversato su zattere lo stretto di Messina, i nuovi arrivati si unirono agli indigeni come il lievito sulla farina. E la storia sfornò un altro popolo simile eppure diverso dai Sicani: i Siculi.

Più o meno nello stesso periodo anche gli Elimi si erano ritagliati una fettina del triangolo, nella parte occidentale dell'isola. I Sicani li lasciarono tranquilli e loro costituirono una piccola comunità. La Sicilia divenne così rapidamente multietnica come una metropoli di oggi

Gli studiosi non sanno dire con certezza quando Greci, Cartaginesi dell'Epiro e latini entrarono in contatto con i primi abitanti della Sicilia, ma sappiamo con certezza che fin dal XIII secolo i Micenei solcavano le acque del Mediterraneo e nel VIII secolo a.C. i Fenici avevano già fondato sull'isola le loro basi di import-export.

Al soldo degli invasori. Di certo sappiamo poi che verso il VII secolo toccò ai Greci creare da queste parti le loro prime colonie, giungendo in cerca di nuovi mercati e terre da colonizzare. Gli indigeni non amavano quegli invasori, ma furono conquistati dalla loro cultura e il risultato fu che nel V secolo a .C. gli antichi siciliani erano ormai più greci che italici tanto da arrivare addirittura a combattere come mercenari nelle guerre fratricide dei loro occupanti greci.

2 novembre 2018 Giuliana Rotondi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us