Storia

La vera storia dell'Isola delle Rose, la micronazione spuntata al largo di Rimini nel 1968

Mentre nel mondo scoppiava il 1968, al largo di Rimini, in mezzo al mare, spuntava l'Isola delle Rose. Ecco la sua vera storia, che si è incrociata con quella del Festival di Sanremo 2023.

Un sogno di emancipazione, un'utopia in salsa romagnola? Di sicuro l'Isola delle Rose fu un curioso esperimento politico, sociale, culturale. Nell'estate del 1968 Giorgio Rosa, un eccentrico ingegnere bolognese, inaugurò una struttura in cemento e lamiere in acque internazionali, a poco più di 11 km dalle coste romagnole.

Nelle sue intenzioni la piattaforma doveva essere una micronazione con tanto di presidente, ministeri, lingua autonoma (l'esperanto) e inno nazionale (L'olandese volante di Richard Wagner). Le dimensioni erano limitate, circa 400 metri quadrati. In superficie un albergo, una banca, un bar e attracchi per le barche. Eppure la Insulo de la rozoj, come fu chiamata in esperanto, per un'estate tenne sotto scacco il mondo intero. E ha tenuto "sotto scacco" anche gli spettatori del Festival di Sanremo 2023 durante una turbolenta esibizione del cantante Blanco che proprio a questa micronazione ha dedicato una canzone.

momento incandescente. Le piazze occidentali erano occupate da studenti in rivolta. L'America era impantanata in Vietnam e l'Urss aveva appena mandato i carri armati a Praga per reprimere il "socialismo dal volto umano" di Dubcek.

In Italia, intanto, si sperimentavano le gioie del benessere e della libertà. Se a Rimini apriva il Lady Godiva, primo night dove si potevano vedere bellezze locali a seno nudo, il parlamento nazionale se la vedeva con un "governo balneare", un monocolore Dc durato una stagione e guidato da Giovanni Leone, il futuro presidente della Repubblica.

senza vincoli. In questo scenario si mosse Giorgio Rosa, per sua stessa ammissione lontano da posizioni politiche. L'impresa cominciò alla fine degli Anni '50. Chiesto il permesso alla capitaneria di porto di Rimini di edificare una piattaforma in mare, organizzò il cantiere. Il progetto prevedeva la costruzione sulla terraferma di un telaio di tubi in acciaio da trasportare in galleggiamento in mare aperto, dove poi sarebbe avvenuto il collaudo.

Il primo tentativo fu un disastro, e quella che doveva essere l'embrione dell'Isola delle Rose venne travolta da una mareggiata. L'ingegnere però non si perse d'animo. Ne costruì un'altra e per il 20 agosto 1967 la sua isola fu aperta al pubblico. L'anno successivo, il 1° maggio, ci fu invece l'inaugurazione ufficiale. Frotte di turisti approdarono sulla piattaforma attratti da quello spazio nell'Adriatico che non era più Italia, e nemmeno Iugoslavia, ma una zona libera da ogni giurisdizione nazionale esistente.

L'inizio dei problemi. I giornali a questo punto iniziarono a interessarsene, seminando dubbi sulle reali intenzioni di Giorgio Rosa.

C'era chi giurava che l'isola fosse una casa di prostituzione mascherata, chi la sospettava di essere un avamposto della Iugoslavia titina. Altri ancora immaginarono che potesse ospitare una radio privata sul modello dell'inglese Radio Caroline (una radio libera inaugurata da un gruppo di "pirati" a bordo di una vecchia nave danese).

La realtà era molto più prosaica: Giorgio Rosa voleva creare un porto franco, svincolato da ogni ostacolo amministrativo, burocratico ed economico. L'Isola delle Rose era una "città del sole", il sogno di ogni imprenditore: qui si poteva vivere in libertà, senza leggi restrittive e con negozi, banche e alberghi capaci di essere attrattivi per i turisti e di far guadagnare.

Anni dopo Rosa disse in un'intervista: "A essere sinceri, il mio progetto iniziale era questo: costruire qualcosa che fosse libero da lacci e lacciuoli e non costasse molto. Sulla terraferma la burocrazia era soffocante. Così mi venne un'idea, durante la villeggiatura a Rimini". E spiegò: "Volevamo aprire un bar e una trattoria. Mangiare, bere e guardare le navi da Trieste che passano vicine, a volte anche troppo. Il ricordo più bello è la prima notte sull'isola in costruzione. Venne un temporale che sembrava portasse via tutto. Ma al mattino tornò il sole, ogni cosa pareva bella e realizzabile. Poi cominciarono i problemi".

Tutti contro. L'isola in effetti ebbe vita breve. Il nuovo Stato fece in tempo a stampare i suoi francobolli e provò a battere moneta, ma il governo italiano avanzò subito le sue richieste. In Parlamento da destra, da sinistra e dal centro fu un fuoco incrociato che infiammò l'estate del 1968: il Movimento sociale accusò Giorgio Rosa di aver violato il suolo italiano, il ministro dell'Interno denunciò senza mezzi termini il "grave pericolo" rappresentato da questa nazione al di fuori del controllo del diritto internazionale. E se il Servizio segreto militare sospettò che l'isola potesse essere una base per l'attracco dei sommergibili sovietici, a sinistra, il Partito comunista ventilò l'ipotesi che fosse una manovra destabilizzante di Enver Hoxha, dittatore dell'Albania. Risultato: l'utopia dell'Isola delle Rose aveva le ore contate.

Il 24 giugno, a meno di due mesi dall'inaugurazione, la piattaforma fu circondata da polizia e carabinieri: i negozi vennero chiusi e i pochi residenti, tre in tutto, abbandonarono l'isola. Rosa si rivolse direttamente a Saragat per chiederne la restituzione, ma non ebbe alcuna risposta. "Non avevamo risorse, eravamo soli. Quando il Consiglio di Stato diede parere favorevole alla demolizione, non feci ricorso", affermò tempo dopo la fine dell'avventura.

SOGNO INFRANTO. Il 13 febbraio 1969 gli artificieri della Marina militare minarono i piloni con la dinamite e l'isola piano piano si inabissò. E con lei il sogno di Giorgio Rosa che pragmaticamente archiviò il progetto, preferendo lavorare come ingegnere e progettista nel suo studio di Bologna. "Capii definitivamente che in Italia è impossibile essere liberi, far le cose da solo", dirà qualche anno prima della morte avvenuta a marzo 2017.

Il suo esperimento però non è stato dimenticato. E oggi alla Insulo de la rozoj sono dedicati numerosi libri e documentari, e anche una canzone del cantante Blanco che ha fatto parlare di sé Al Festival di Sanremo 2023, distruggendo la coreografia del palco sotto le note della sua ultima canzone "L'Isola delle Rose".

[Articolo tratto dagli archivi di Focus Storia]

8 febbraio 2023 Giuliana Rotondi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us