Storia

La venere di Willendorf fu scolpita da una roccia del Lago di Garda

Proviene da Lago di Garda la roccia con cui, 30.000 anni fa, fu realizzata la Venere di Willendorf, ritrovata a inizio '900 in Austria. Ecco come lo abbiamo scoperto e il percorso che potrebbe aver compiuto quella pietra diventata un'opera d'arte.

Uno dei più importanti reperti di arte antica in Europa è la Venere di Willendorf (dal nome della località austriaca in cui fu rinvenuta), che risale a 30.000 anni fa. Si tratta di una statuetta di 11 centimetri sulla cui composizione si è recentemente concentrato il lavoro dei ricercatori: sembra proprio che sia stata realizzata con un materiale che non era presente nell'area (l'attuale Bassa Austria) in cui fu ritrovata nel 1908. Si tratta in particolare di "oolite", una roccia composta da sferette calcaree di natura sedimentaria dal diametro inferiore a 2 mm. Questi corpuscoli sono composti da veli concentrici perlopiù di carbonato di calcio deposti intorno a un nucleo. Ad analizzare il materiale della Venere sono stati i due geologi Alexander Lukeneder e Mathias Harzhauser assieme, all'esperto di preistoria Walpurga Antl-Weiser, del Museo di Storia naturale di Vienna (che oggi ospita la Venere), che hanno pubblicato i loro risultati su Scientific Reports.

La Venere di Willendorf vista di lato. Realizzata circa 30.000 anni fa, fu ritrovata nel 1908 in un paesino della Bassa Austria. Il materiale di cui è composta però proverrebbe dall'Italia.
La Venere di Willendorf vista di lato. Realizzata circa 30.000 anni fa, fu ritrovata nel 1908 in un paesino della Bassa Austria. Il materiale di cui è composta, però, provverrebbe dall'Italia. © Lois Lammerhuber

ANTICHISSIMA. Grazie alla tomografia a elevata risoluzione è stato possibile accertare che il luogo più vicino dove sarebbe stato possibile estrarre il materiale utilizzato per la statuetta si trova nel Nord Italia. I ricercatori sono riusciti a ottenere immagini con una risoluzione che arriva a 11,5 μm (un milionesimo di metro): come per tutte le ooliti l'interno della roccia è risultato non uniforme, con all'interno granuli di limonite (ossido di ferro con presenza di acqua) e piccoli resti di conchiglie.

«I granuli di limonite sono probabilmente scoppiati mentre lo scultore della Venere la stava lavorando», spiega Antl-Weiser, «e proprio nel punto dove c'è l'ombelico ne fece... di necessità virtù». I ricercatori sono riusciti anche a datare un minuscolo residuo di conchiglia, lungo solo 2,5 millimetri, che risalirebbe al periodo giurassico. Ciò ha escluso la possibilità che la roccia provenisse dal bacino di Vienna, dove i sedimenti sono molto più giovani.

Nella cartina, sono segnate in nero le località dove è presente l'oolite, materiale di cui è composta la Venere di Willendorf. In rosso invece sono segnalate le località da cui molto probabilmente arriva la particolare oolite della statuetta: una si trova nella zona del Lago di Garda, l'altra in Ucraina. Quest'ultima è ritenuta la località di provenienza meno probabile poiché molto lontana dal sito archeologico in cui è stato ritrovata la statuetta, ovvero Willendorf in Austria (segnato in verde, con altri siti archeologici).
Nella cartina, sono segnate in nero le località dove è presente l'oolite, materiale di cui è composta la Venere di Willendorf. In rosso invece sono segnalate le località da cui molto probabilmente arriva la particolare oolite della statuetta: una si trova nella zona del Lago di Garda, l'altra in Ucraina. Quest'ultima è ritenuta la località di provenienza meno probabile poiché molto lontana dal sito archeologico in cui è stato ritrovata la statuetta, ovvero Willendorf in Austria (segnato in verde, con altri siti archeologici).

Secondo i ricercatori, rocce simili a quelle della Venere si trovano in prossimità del Lago di Garda. Il fatto che la roccia provenga dall'Italia dice quanto gli uomini di 30.000 anni fa avessero già una notevole mobilità tra il Nord e il Sud dell'arco alpino. «Nel Gravettiano – la cultura degli strumenti dell'epoca – si cercavano e si abitavano luoghi favorevoli. Quando il clima o la distribuzione delle prede cambiavano, ci si spostava, preferibilmente lungo i fiumi», spiega Antl-Weiser.

Due le strade percorribili: una avrebbe portato a circumnavigare le Alpi, passando dalla pianura pannonica, un percorso che, stando ad altre ricerche, venne sicuramente utilizzato dalle popolazioni di allora.

L'altro era quello di attraversare direttamente le Alpi, ma era davvero possibile nel bel mezzo dell'ultima glaciazione? Fattibile però percorrendo le sponde dell'Adige, dell'Inn e del Danubio, che si trovano sempre al di sotto dei 1.000 metri di quota.

Un piccolo dubbio nel collegare la roccia della statuetta con l'Italia riguarda il fatto che una roccia molto simile si trova anche nell'Ucraina orientale, a più di 1.600 km di distanza da Willendorf. Un percorso più semplice da percorrere, ma una distanza enorme per quei tempi.

15 marzo 2022 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us