Storia

Gli uomini del Neolitico “riciclavano” le ossa umane

Le popolazioni neolitiche della Spagna usavano le ossa umane per creare contenitori, spatole, ciotole (e forse anche per mangiare il midollo).

Il concetto di riciclo non è un'invenzione moderna: a quanto pare, i nostri antenati lo mettevano in pratica già in epoca neolitica, seppur in modo più macabro di quanto non facciamo oggi. I materiali riutilizzati? Le ossa dei defunti, che venivano recuperate per costruire utensili e forse anche per compiere riti religiosi.

Ossa "riciclate". È questo il risultato delle analisi sui resti umani provenienti da Cueva de los Marmoles, una grotta del Sud della Spagna poco lontano da Cordoba. Lo studio, pubblicato sulla rivista Plos One, è stato condotto da un team internazionale di ricercatori guidato da Zita Laffranchi e Marco Milella (Università di Berna, Svizzera) e Rafael M. Martínez Sánchez (Università di Cordoba, Spagna), e ha preso in esame oltre 400 frammenti ossei di adulti e bambini rinvenuti in varie zone della cava datati tra il V e il II millennio a.C.

Le analisi dei reperti in questione, effettuate con metodi tecnologici all'avanguardia (tra cui il radiocarbonio e apparecchiature microscopiche di scansione), hanno rivelato che quasi un terzo dei frammenti era stato "lavorato" intenzionalmente e presentava segni compatibili con un loro riutilizzo. In breve, le ossa umane erano state sottoposte a un meticoloso processo di pulizia e manipolazione per poi essere riciclate come utensili.

Utensili (e non solo). Stando allo studio, i frammenti ossei non erano stati staccati a forza da muscoli o tendini, e proprio l'assenza di indizi di violenza ha suggerito che il loro rimaneggiamento fosse avvenuto quando i cadaveri erano già parzialmente decomposti, alcuni mesi dopo la morte degli individui.

Tra i reperti più significativi presi in esame ci sono il teschio di un uomo di mezza età, che era stato levigato con strumenti di pietra e modellato a mo' di ciotola, e la tibia di un adolescente, adattata per fungere da spatola. Non solo, ma varie ossa lunghe erano state rotte e al loro interno erano stati in seguito rimossi i tessuti molli, anche se il fine di tale prassi rimane ancora oscuro. Al riguardo, non si sa se il midollo fosse destinato al consumo alimentare o se invece la sua rimozione rientrava in rituali funerari di stampo religioso.

Ossa Neolitico - Studio
Esempi di fratture di ossa ritrovate nella grotta di Marmoles: (a) omero destro; (b) femore sinistro; (c) omero destro. © Z. Laffranchi

Pratica comune? Situata a un'altezza di circa 900 metri, la Cueva de los Mármoles è ben nota agli archeologi, che hanno cominciato a esplorarla già dal 1934 conducendo diverse campagne di scavo. Ampio oltre 2.500 m2, il suo interno fu utilizzato come una sorta di "cimitero" dagli agricoltori e dai pastori preistorici della zona.

Gli autori dello studio hanno individuato la presenza umana in tre periodi distinti: dal 3900 al 3750 a.C., dal 2600 al 2300 a.C. e dal 1400 al 1200 a.C. Dopo aver confrontato i reperti di Mármoles con altre testimonianze simili, hanno inoltre ipotizzato che il "riciclo" delle ossa dei morti doveva essere comune tra le popolazioni neolitiche dell'area iberica meridionale. Quanto alle motivazioni, infine, la discussione è ancora aperta e i ricercatori suggeriscono che potrebbero celare scopi rituali. Ad aprire ulteriori scenari potrebbero essere futuri esami sul DNA dei resti, dai quali si chiariranno i rapporti tra gli individui sepolti nella grotta.

 

21 ottobre 2023 Massimo Manzo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us