Storia

Un relitto che potrebbe riscrivere la storia della navigazione

Il più antico relitto in acque profonde trovato per caso al largo di Israele: dimostra che all'epoca i navigatori erano già incredibilmente abili.

Già 3.300 anni fa, i nostri antenati solcavano i mari affidandosi alla navigazione celeste, tanto lontani dalla costa da non avere linee di terra in vista. Lo prova il ritrovamento del più antico relitto mai individuato in acque profonde: una nave della tarda Età del Bronzo, contenente centinaia di giare ancora intatte, inabissatasi tra i 3.400 e i3.300 anni fa sul fondale a 1.800 metri dalla superficie, a 90 km circa dalla costa settentrionale di Israele. 

Incontro casuale. La scoperta è stata annunciata giovedì 20 giugno dall''Autorità israeliana per le antichità (Israel Antiquities Authority, IAA), ma il relitto è stato individuato nell'estate 2023 durante un'indagine di routine dei fondali marini da parte dell'Energean, una compagnia che si occupa di estrazioni di gas naturale e che opera nelle piattaforme al largo della costa israeliana. Durante i rilievi, i tecnici della compagnia estrattiva hanno avvistato quello che sembrava un mucchio di anfore sul fondale e hanno avvertito l'IAA, che ha subito avuto il sentore di una scoperta archeologica sensazionale.

Le immagini del relitto e delle giare a 1.800 metri di profondità, sugli schermi della sala controllo della nave di Energean. © Emil Aladjem, Israel Antiquities Authority

Carico prezioso. Ulteriori indagini con un robot sottomarino hanno rivelato che le anfore erano dello stesso tipo di quelle utilizzate dai Cananei, popolazioni che all'epoca vivevano nella regione storica del Levante, sulle rive orientali del Mar Mediterraneo. La nave, lunga 12-14 metri, messa fuori uso da una tempesta o da un attacco di pirati, ne trasportava a centinaia, e quelle visibili nel fondale sabbioso sono solo lo strato superiore: un secondo strato di vasi è sepolto dai sedimenti assieme alle travi del natante.

Il team dell'Energean ha estratto dall'acqua soltanto due giare, per ridurre al minimo gli spostamenti sul relitto e non danneggiare i reperti: dentro ci sono solo detriti, ma analisi più approfondite potrebbero rivelarne l'antico contenuto.

Anche lontano dalla costa. Secondo gli archeologi quel tipo di nave doveva essere il mezzo più economico per trasportare olio, vino e frutta e la sua presenza in quel luogo è la prova di scambi commerciali esistenti tra i popoli del Vicino oriente e quelli delle coste mediterranee. «Finora nel Mediterraneo sono state ritrovate soltanto due altre navi cargo della tarda Età del Bronzo», spiega Jacob Sharvit, a capo dell'unità marina dell'IAA.

«Parlo del relitto di Capo Gelidonya e di quello Uluburun, entrambi ritrovati lungo la costa turca. Tutti e due sono stati individuati relativamente vicino alla riva, accessibili tramite una normale attrezzatura subacquea. Perciò, finora si dava per assodato che il commercio all'epoca avvenisse navigando in sicurezza da un porto all'altro, abbracciando la costa con lo sguardo.

La scoperta di questa nave ora, cambia la nostra intera comprensione delle abilità degli antichi marinai: è la prima in assoluto a essere trovata
una distanza così grande, senza alcuna linea di vista verso alcuna massa continentale».

Quali riferimenti? L'ipotesi che sta ora prendendo forma è che all'epoca, prima dell'invenzione di bussole, astrolabi e sestanti, i commercianti marittimi si affidassero alla navigazione celeste, usando come riferimenti il Sole, la Luna e la posizione delle stelle.

7 luglio 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us