Cultura

Tubercolosi? Giulio Cesare non ha colpe

Un inglese di oltre 2000 anni fa, ammalato di tubercolosi, discolpa i soldati romani

Tubercolosi? Giulio Cesare non ha colpe
Un inglese di oltre 2000 anni fa, ammalato di tubercolosi, discolpa i soldati romani

I resti di una villa romana del III secolo d.C. a Dover, poco lontano dal luogo dove Giulio Cesare sbarcò con due legioni nel 54 a.C..
I resti di una villa romana del III secolo d.C. a Dover, poco lontano dal luogo dove Giulio Cesare sbarcò con due legioni nel 54 a.C..

I resti di un cadavere ritrovato in Inghilterra in un piccolo villaggio del Dorset, morto di tubercolosi più di 2.200 anni fa, hanno dimostrato che la teoria che indicava nei legionari romani i portatori di questa malattia sull'isola britannica era sbagliata. I danni alla spina dorsale hanno risvegliato i primi sospetti negli scienziati sulla causa della morte, e il test del Dna ha poi confermato trattarsi di tubercolosi. In seguito, l'esame al carbonio 14 ha stabilito il periodo in cui lo sfortunato era vissuto, tra il 400 e il 220 avanti Cristo, quindi molto prima della data in cui i legionari di Giulio Cesare invasero per la prima volta l'isola d'Albione: il 55 a.C.
Un'epidemia che continua. In Inghilterra la tubercolosi è una malattia che per secoli ha terrorizzato i sudditi di sua Maestà. Oltre ai milioni di britannici morti negli ultimi due millenni, solo lo scorso anno sono stati registrati 6800 casi; alla fine degli anni ottanta erano solo 5000, ma sono comunque da considerarsi pochi rispetto ai 50.000 che colpivano l'isola prima della produzione su larga scala degli antibiotici, avvenuta intorno alla meta del secolo scorso. In Italia, come ha confermato il professor Roberto Cauda dell'Università Cattolica di Roma, negli ultimi anni si è registrato un aumento delle infezioni pari al 9,6 su centomila abitanti, quindi circa 5.500 ogni anno.

(Notizia aggiornata al 28 dicembre 2002)

17 dicembre 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Le sfide della Chiesa per tutelare la propria autonomia e i suoi territori. A colpi di alleanze, scomuniche, guerre, ma anche preziose committenze ai più grandi artisti del Rinascimento, ecco come i pontefici sono stati protagonisti di secoli di storia. E ancora: quando, 100 anni fa, l'Irlanda venne divisa in due; origini, regole e curiosità degli scacchi; perché le legioni romane erano imbattibili.

 

ABBONATI A 29,90€

Quale incredibile processo ha fatto nascere la vita sul nostro pianeta? Tutte le ultime ipotesi scientifiche. Inoltre: i numeri e le mappe della pandemia che ci ha cambiato nel 2020 e cosa ci aspetta nel 2021; le nuove frontiere del cinema; i software che ci identificano in base al modo di camminare; il sesso strano del mondo animale.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us