Storia

L'arte incontra la scienza alla Triennale di Milano

Più di 100 opere della mostra Unknown Unknowns alla Triennale di Milano fino all'11 dicembre 2022, indagano su ciò che non sappiamo di non sapere: dall'evoluzione della città agli oceani, dalla genetica all'astrofisica.

Bentornato Rinascimento! Alla Triennale di Milano  - fino all'11 dicembre 2022 - si mettono in dialogo arte e scienza per esplorare i confini della ricerca, della sperimentazione e dell'innovazione, includendo anche l'architettura e il design. Con il titolo Unknown Unknowns. An Introduction to Mysteries, quello che non sappiamo di non sapere, l'esposizione  - che riunisce mostre e progetti che coinvolgono 400 artisti, designer, architetti, provenienti da più di 40 Paesi - ci invita a pensare quale è il ruolo dell'uomo nel mondo e quali confini deve ancora superare. Questa è l'idea di fondo: indagare l'ignoto e accettare che dobbiamo imparare conviverci. Non perdendo la passione di voler continuare a capire e conoscere.

La 23ª Esposizione Internazionale, alla Triennale (la storica istituzione compirà 100 anni nel 2023) di Milano, vuole infatti fare il punto su quanto c'è ancora da scoprire in ambiti che stiamo già indagando: dalla gravità, alla profondità dell'universo alla materia oscura, dal fondo degli oceani all'origine del nostro pensiero e della nostra psiche. «Soprattutto è importante riflettere su quello che sappiamo di non sapere», spiega Ersilia Vaudo, astrofisica e Chief Diversity Officer all'Agenzia Spaziale Europea, e curatrice della mostra che dà l'identità, Unknown Unknowns. «Dobbiamo abituarci a convivere con il mistero di ciò che non conosciamo. E nello stesso tempo continuare a cercare di svelarlo. Che significa continuare a cercare di capire e conoscere. Non dobbiamo essere in antagonismo con ciò che non conosciamo».

Opere d'arte scientifiche. La mostra Unknow Unknows è una sorta di camera delle meraviglie con opere d'arte e prototipi di oggetti astronomici, video esplicativi di avventure spaziali, resti di meteoriti si alternano.

Ad aprire le diverse sezioni, un quadro del 1660 dove per la prima volta la vediamo illustrata la Via Lattea fino a un lavoro di Alicia Kwade, che mette su una tela 24 fialette che contengono gli elementi chimici alla base della nostra anatomia. Si possono vedere anche documenti scientifici (che possono sembrare quadri di arte contemporanea) come le foto elaborate da un sistema di imaging d'avanguardia che raccontano la vita delle nostre cellule, ma anche il video sulla mappa della connettività neurale della Drosophila melanogaster, il moscerino della frutta, un documento che vuole contribuire a dare spunto a nuove ricerche sul cervello.

Mappa multidimensionale di Gaia

L'obiettivo di Gaia (nella foto) è di creare la mappa multidimensionale più completa della Via Lattea. Conterrà posizione, velocità, direzione del moto, luminosità, temperatura e composizione di quasi due miliardi di oggetti nella nostra galassia, che ne contiene probabilmente 400 miliardi.

© Esa

Non poteva mancare la foto di Gaia, la mappa multidimensionale più completa della Via Lattea. Una speciale installazione a cura dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) chiude la mostra tematica offrendo una vista sorprendente della Terra. A fianco la mostra della Fondation Cartier, Mondo reale, è un percorso dove molti artisti di arte contemporanea hanno interpretato il tema dell'ignoto.

Ci si può calare nei panni di viaggiatori perlustrando le mostre allestite negli spazi deputati ai 40 Paesi ospiti della mostra. A occuparsene Francis Kéré (vincitore del Pritzker Architecture Prize 2022, uno dei più importanti premi di architettura al mondo), che mostra due installazioni dedicate all'Africa e che avrà molto spazio nella sezione dedicata ai padiglioni nazionali dei diversi Paesi che partecipano all'esposizione. Dal continente africano, saranno presenti: Burkina Faso, Ghana, Kenya, Lesotho, Repubblica Democratica del Congo e Ruanda. Altre due mostre dedicate al design raccontano la storia della creatività e i suoi limiti: La tradizione del nuovo e Corridoio Rosso.

21 luglio 2022 Sabina Berra
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us