Storia

Tracce di cannibalismo in Spagna 10 mila anni fa

In una grotta le prime antiche evidenze della pratica tra i sapiens nel Mediterraneo occidentale, in contemporanea con la nascita dell'agricoltura.

Che nell'Europa dell'Età della pietra, il cannibalismo fosse un rituale post mortem meno raro del previsto è un fatto noto. Ma in una grotta non lontana da Valencia, in Spagna, sono venute alla luce le prime prove archeologiche della pratica di questa usanza tra sapiens nell'Europa occidentale: tracce che risalirebbero a 10 mila anni fa, all'incirca il periodo della nascita dell'agricoltura, e che sollevano domande sui riti di sepoltura in uso a quell'epoca.

Gli indizi. Nella grotta di Coves de Santa Maira, vicino alla costa di Alicante, in Spagna, sono state studiate in particolare 30 ossa, appartenenti a due adulti e un bambino, che presentano segni riconducibili a un consumo umano. Molte di esse sarebbero state tagliate, martellate con strumenti in pietra, riscaldate con il fuoco e morsicate da altri umani, per poi essere disseminate tra resti di animali, come stambecchi e cervi rossi.

Due "cene". Le datazioni al radiocarbonio rivelano che il rituale si sarebbe consumato in modo non violento, quindi presumibilmente dopo la morte, in almeno due diverse occasioni. La doppia arcata e i segni di punte triangolari rintracciate sulle ossa sembrano chiaramente riconducibili a molari e canini umani, anche se uno dei criteri richiesti per la certezza archeologica di cannibalismo - ossia la presenza di ossa umane in coproliti, cioè feci fossili preservate - non è per ora stato riscontrato.

Non (solo) per fame. Il motivo del doppio pasto a base di carni e midollo umani rimane tuttavia ancora un mistero. La ricchezza di ossa animali, conchiglie e risorse naturali nell'area della grotta porterebbe ad escludere motivi di pura "sopravvivenza", dettati da una carestia. Piuttosto, la presenza di diversi insediamenti di sapiens riconducibili a quel periodo farebbe pensare all'incontro e alla contaminazione tra culture differenti, allo scambio di rituali funerari - con la dissepoltura e il consumo di ossa di antenati - alla competizione per le risorse o a casi di conflitto.

22 marzo 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us