Storia

Tracce di cannibalismo in Spagna 10 mila anni fa

In una grotta le prime antiche evidenze della pratica tra i sapiens nel Mediterraneo occidentale, in contemporanea con la nascita dell'agricoltura.

Che nell'Europa dell'Età della pietra, il cannibalismo fosse un rituale post mortem meno raro del previsto è un fatto noto. Ma in una grotta non lontana da Valencia, in Spagna, sono venute alla luce le prime prove archeologiche della pratica di questa usanza tra sapiens nell'Europa occidentale: tracce che risalirebbero a 10 mila anni fa, all'incirca il periodo della nascita dell'agricoltura, e che sollevano domande sui riti di sepoltura in uso a quell'epoca.

Gli indizi. Nella grotta di Coves de Santa Maira, vicino alla costa di Alicante, in Spagna, sono state studiate in particolare 30 ossa, appartenenti a due adulti e un bambino, che presentano segni riconducibili a un consumo umano. Molte di esse sarebbero state tagliate, martellate con strumenti in pietra, riscaldate con il fuoco e morsicate da altri umani, per poi essere disseminate tra resti di animali, come stambecchi e cervi rossi.

Due "cene". Le datazioni al radiocarbonio rivelano che il rituale si sarebbe consumato in modo non violento, quindi presumibilmente dopo la morte, in almeno due diverse occasioni. La doppia arcata e i segni di punte triangolari rintracciate sulle ossa sembrano chiaramente riconducibili a molari e canini umani, anche se uno dei criteri richiesti per la certezza archeologica di cannibalismo - ossia la presenza di ossa umane in coproliti, cioè feci fossili preservate - non è per ora stato riscontrato.

Non (solo) per fame. Il motivo del doppio pasto a base di carni e midollo umani rimane tuttavia ancora un mistero. La ricchezza di ossa animali, conchiglie e risorse naturali nell'area della grotta porterebbe ad escludere motivi di pura "sopravvivenza", dettati da una carestia. Piuttosto, la presenza di diversi insediamenti di sapiens riconducibili a quel periodo farebbe pensare all'incontro e alla contaminazione tra culture differenti, allo scambio di rituali funerari - con la dissepoltura e il consumo di ossa di antenati - alla competizione per le risorse o a casi di conflitto.

22 marzo 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us