Storia

Il DNA lo dimostra: esistono parenti di Toro Seduto ancora in vita

Toro Seduto, simbolo della lotta dei nativi americani contro i bianchi invasori, ha un bisnipote ancora in vita: la conferma viene dalle analisi del DNA.

Il bisnipote di Toro Seduto è vivo e si chiama Ernie LaPointe: lo conferma uno studio pubblicato su Science Advances, che ha confrontato il DNA del capo dei Sioux, ucciso nel 1890, 14 anni dopo la celebre battaglia di Little Bighorn, con quello del settantatreenne nativo americano. «Per anni molte persone hanno dubitato del legame familiare che io e le mie sorelle abbiamo con Tatanka Yotanka», sottolinea LaPointe, che usa il nome Lakota di Toro Seduto e che fino ad ora, per dimostrare la propria discendenza, poteva contare solo su alcuni certificati di nascita e morte, sull'albero genealogico della famiglia e su documenti storici.

DNA autosomico. Il metodo utilizzato dai ricercatori si basa sull'analisi del DNA autosomico, che ereditiamo per metà da un genitore e per metà dall'altro, e può quindi essere esaminato senza necessità di sapere se la discendenza è da parte di madre o di padre. Questo metodo è utile quando i dati genetici disponibili sono limitati, come in questo caso, dove i ricercatori avevano a disposizione solo un frammento mal conservato di un capello di Toro Seduto: per riuscire ad estrarre un campione di DNA utilizzabile hanno impiegato 14 anni.

Parenti lontani e cold case. Questa complicata e interessante tecnica potrebbe essere utilizzata in futuro non solo per scoprire nuovi legami tra persone viventi e figure storiche di rilievo, ma anche per cercare di risolvere antichi cold case: «In teoria si può indagare su chiunque, dai Romanov a Jesse James», afferma Eske Willerslev, uno degli autori: «basta avere dei resti di ossa, denti o capelli dai quali estrarre il DNA».

10 novembre 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us