Storia

I giocattoli dei bambini di 5.000 anni fa? Gufetti in pietra

Per oltre un secolo si è ritenuto che le migliaia di tavolette in ardesia trovate in Spagna fossero oggetti rituali. Sarebbero in realtà giocattoli dei bimbi dell'Età del Rame.

Quelli che per oltre un secolo abbiamo ritenuto fossero oggetti rituali sarebbero in realtà giocattoli che venivano utilizzati dai bambini vissuti 5mila anni fa, durante l'Età del Rame: è questa la scoperta di un gruppo di ricercatori spagnoli, che hanno ridefinito la funzione di una serie di tavolette di ardesia, ognuna raffigurante un gufo, ritrovate a migliaia in diverse tombe della penisola iberica. I risultati di questa nuova analisi sono stati pubblicati su Scientific Reports.

materiale povero. Il primo motivo a sostegno della tesi secondo cui i gufetti in pietra non sarebbero rappresentazioni di divinità, ma solo "disegni" di bambini, è il fatto che sono incisi su un materiale povero: gli oggetti funerari antichi venivano spesso realizzati su materiali preziosi o rocce rare, come oro, avorio o cristallo di roccia. L'ardesia, al contrario, era molto abbondante nella penisola iberica e non poteva quindi essere considerata un materiale prezioso.

Gufo con buchi per piume
Alcune tavolette avevano due buchi nella parte superiore, che probabilmente servivano per inserire due piume per imitare i ciuffetti tipici dei gufi. © Negro et al. | Scientific Reports

In secondo luogo, incidere l'ardesia è davvero facile: non servono abili artigiani, ma bastano anche piccole e inesperte mani come quelle dei bambini. «Disegnare su queste tavolette permetteva ai più piccoli di imparare diverse tecniche di incisione e intaglio, essenziali per la realizzazione poi di altri oggetti di uso quotidiano come coltelli o punte di freccia», spiegano gli autori.

Questione di gufosità. Per confermare la loro teoria, gli autori hanno valutato la "gufosità" di un centinaio di tavolette incise nell'Età del Rame, tenendo conto di sei tratti caratteristici di questi uccelli notturni: il disco facciale piatto, il becco, il motivo delle piume, gli occhi, le ali e i due ciuffetti di penne che spuntano sulla testa a mo' di orecchie.

Artisti in erba. Se in alcuni casi le raffigurazioni includevano tutte e sei le caratteristiche tipiche di questi rapaci, in altri le riproduzioni erano meno precise: questo ha fatto dedurre agli studiosi che le tavolette fossero state incise da bambini di età diverse, con capacità di disegno più o meno sviluppate.

L'ultimo passo è stato confrontare le capacità dei bambini vissuti 5mila anni fa con quelle dei bambini contemporanei. Dopo aver chiesto ad alcuni alunni spagnoli tra i quattro e i 13 anni di disegnare un gufo, i ricercatori hanno rilevato che i più piccoli disegnavano i gufi con meno precisione, tralasciando alcuni dei sei tratti caratteristici, mentre i più grandi li ritraevano con più dettagli. Questo, concludono gli autori, dimostra che esiste una progressione − legata all'età dei piccoli artisti − nella rappresentazione della gufosità dei soggetti, riscontrata sia nelle incisioni dei bambini dell'epoca che nei disegni dei bambini d'oggi.

12 dicembre 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us