Storia

Tatuaggi: quell'irrefrenabile (e millenaria) voglia di marchiarsi

Uomini e donne iniziarono a tatuarsi già dalla Preistoria: per loro era un modo per avere sul corpo una sorta di carta di identità che raccontava chi erano e da dove venivano. Ecco come è nata e si è evoluta l'antica arte dei tatuaggi.

Un tempo li esibivano quasi soltanto gli ex galeotti e i marinai, o qualche mercenario. Oggi i tatuaggi sono diventati una moda che coinvolge moltissimi. Del tatuaggio si nota spesso il lato estetico, il bisogno di "firmare" la pelle in modo artistico. Senza rendercene conto, però, quando apportiamo dei segni indelebili al corpo ripetiamo uno dei riti più importanti della storia dell'uomo.

I tatuaggi avevano infatti nell'antichità funzioni sacre e magiche, oltre a rappresentare una forma di comunicazione sull'identità, lo status sociale e la provenienza di chi li portava. Costituivano insomma una carta d'identità incisa sul corpo. Con figure e simboli, si dava conto agli altri della propria "nazionalità" (leggi: tribù), del "cognome" (leggi: clan), della professione (sacerdote, guerriero o altro), della religione. E persino chi fosse il proprio spirito protettore (leggi: "angelo custode"). Tutte caratteristiche che sono ancora rintracciabili nei popoli tribali in cui permane questa pratica nel suo aspetto rituale.

Piacevano alla Grande Madre. L'antropologa Michela Zucca studia da tempo l'origine e il significato dei tatuaggi. Suo è il libro I tatuaggi della dea (Venexia), il primo studio a svelare che cosa ci sia alla base di un fenomeno di massa apparentemente solo estetico. «Per prima cosa, mi ero accorta che i segni a spirale o a zig zag posti sulle famose veneri preistoriche, statuette femminili di dee madri, erano stati troppo sbrigativamente descritti come ornamenti», spiega la studiosa. «In realtà, la Venere di Hohle Fels, statuetta in avorio di 40 mila anni fa ritrovata in Germania, e veneri successive del Neolitico presentano segni di scarificazione. Si tratta della tecnica per cui veniva incisa la pelle con dei tagli, anziché a punti, da cui derivò il tatuaggio. Se le dee erano rappresentate con scarificazioni, possiamo dedurre che i fedeli, anzitutto donne, sottoponessero il loro corpo a queste incisioni di genere sacro». Va ricordato che nell'Europa preistorica c'era un assetto matrifocale delle comunità, dove la donna era almeno pari all'uomo e officiava più di lui i riti sacri. 

La statuetta di avorio ritrovata nella grotta di Hohle Fels (Germania), vista di lato e di fronte. Età: 35 mila anni. Ha testa piccola, seni enormi, fianchi larghi e ventre gonfio. La vulva è accentuata e sul corpo ci sono diversi segni rituali.

Sciamane visionarie. Sacerdotesse-sciamane molto attive erano anche abili tatuatrici. Prima ancora di "ricamare" il corpo degli iniziati alle varie fasi della vita, con elaborati disegni simbolici, incidevano la pelle di questi riproducendo i "fosfeni", punti luminosi e linee a zig-zag che loro vedevano a occhi aperti quando erano in stato di trance (i fosfeni possiamo vederli anche noi in condizioni normali, al buio completo o a occhi chiusi premendo i bulbi oculari).

In generale i tatuaggi - utilizzati per portare incise sul proprio corpo le prime divinità, le insegne del clan e spiriti protettori - smisero presto di essere solo una faccenda di donne. L'Uomo di Similaun, vissuto oltre 5 mila anni fa, è la più antica mummia a presentare tatuaggi. Ne ha circa 60 e la maggioranza di questi avevano funzione magico-terapeutica (v. link sotto).

Una ricostruzione della principessa di Altai o principessa Ukok e dei suoi tatuaggi (a destra).
Una ricostruzione della principessa di Altai o principessa Ukok e dei suoi tatuaggi (a destra). La sua mummia fu trovata sull'altopiano di Ukok, al confine tra Russia e Cina. © Istituto di Archeologia ed Etnografia dell'Accademia Russa delle Scienze

Principesse nel ghiaccio. Presso gli Sciti, i Sarmati e altri popoli delle steppe che si muovevano dall'Ucraina alla Siberia con le loro donne, anch'esse combattenti a cavallo, i tatuaggi erano di uso comune: raffiguravano animali totemici e fantastici in qualità di spiriti protettori individuali e del clan. Come quelli trovati sulla mummia dell'Altai, appartenente a una sciamana guerriera della cultura kurgan morta a meno di 30 anni, due millenni e mezzo fa.

Perfettamente conservati nel ghiaccio dei monti Altai, in Siberia, i resti hanno permesso agli studiosi di individuare sulla sua epidermide elaborati tatuaggi di animali che sembrerebbero divinità. Tali figure rivelano un livello tecnico-esecutivo paragonabile a quello dei più moderni e quotati tatuatori. Sulla sua spalla sinistra c'è, per esempio, il tatuaggio di una chimera: un cervo con becco di grifone e zampe da capricorno. Sulle braccia, animali fantastici come un leopardo con una strana gobba o un lupo con un'insolita cresta. Sulla gamba destra, un lungo pesce con baffi.

Quando era peccato. «Fra i Celti, i Daci e i Traci, gli Illiri e i popoli germanici i tatuaggi rivelavano il clan di appartenenza, il nome e lo status sociale», continua Zucca. «Ma un po' tutti i popoli definiti dai Greci e dai Romani "barbari" usavano tatuarsi. Per i Greci (e poi per i Romani) il tatuaggio invece era tabù. Contrastava con il loro ideale di bellezza pura». Era visto come cosa "da selvaggi", e il suo uso associato agli schiavi, provenienti dai popoli conquistati.

Con l'avvento del cristianesimo il tatuaggio visse i suoi tempi più cupi, e fu vietato a più riprese. Nella cultura occidentale si fece strada l'idea che il tatuaggio riguardasse i pagani, i ceti più bassi della popolazione e i delinquenti. Ecco perché, prima della moderna stagione dei tatuaggi a pagamento, che affollano bicipiti, caviglie, natiche, di persone per bene e di successo, questi erano riservati ai galeotti o ai mercenari. Ma anche la Chiesa non ne esce con la massima coerenza dall'indagine di Michela Zucca. «In realtà, con buona pace delle direttive papali, in Terra Santa e in molti luoghi di pellegrinaggio sparsi per l'Europa, erano all'opera frati tatuatori», spiega la studiosa. «E anche i nobili non rispettavano il tabù. Si tatuavano soprattutto gli aristocratici che andavano alla guerra, in modo che il proprio corpo venisse riconosciuto e onorato secondo il lignaggio e la fede indicati sulla pelle in caso di morte».

Un guerriero maori e i suoi tatuaggi.
Un guerriero maori della Nuova Zelanda e i suoi tatuaggi: si celebra il Waitangi Day (6 febbraio), l'anniversario del Trattato di Waitangi tra il governo britannico e i maori. © shutterstock

Tendenza universale. Che tutto il mondo usasse tatuarsi lo indicano anche i popoli cosiddetti "tribali": da quelli della valle etiopica dell'Awash, ai Kikuio e ai Masai del Kenia, dagli gli aborigeni australiani ai Maori della Nuova Zelanda, la pratica è ancora oggi diffusa. Persino i buddisti la accettano.

A Bangkok, in Tailandia, i monaci organizzano una festa dove il simbolo di un animale tatuato può prendere vita, fino a possedere i fedeli. Se, per esempio, a uno di questi viene tatuata una tigre, lui va in trance mimando e facendo i versi della specie tatuata sulla sua pelle. Se a uno tocca il bufalo, lo imiterà in tutto, se un altro ha il tatuaggio di un serpente, si metterà a strisciare. Lo spettacolo più che comico è impressionante, perché questa gente crede davvero nell'effetto magico del tatuaggio. Come una volta.

Monaci buddisti thailandesi tatuano con la tipica cannuccia di legno nel tempio di Wat Bang Phra, a una cinquantina di km da Bangkok . L'uso dei tatuaggi magici (Sak Yant) ha un'origine tribale e nei secoli si è diffuso in tutto il Sud-Est asiatico, divenendo pratica accettata dal buddismo e dall'induismo. Ogni anno, a marzo, si tiene in Thailandia  il festival dei tatuaggi magici.
Monaci buddisti thailandesi tatuano con la tipica cannuccia di legno nel tempio di Wat Bang Phra, a una cinquantina di km da Bangkok . L'uso dei tatuaggi magici (Sak Yant) ha un'origine tribale e nei secoli si è diffuso in tutto il Sud-Est asiatico, divenendo pratica accettata dal buddismo e dall'induismo. Ogni anno, a marzo, si tiene in Thailandia il festival dei tatuaggi magici. © Shutterstock

SEGNO DI RICONOSCIMENTO. Perché è riemerso anche fra di noi, nella modernità, l'uso di tatuarsi? Secondo l'evoluzionista Richard Dawkins oggi è sempre più difficile farsi riconoscere con status symbol materiali o sociali, che sono il nostro fenotipo esteso, cioè un "prolungamento" del nostro corpo (mente compresa). Tornare al corpo "ricamandolo" è in fondo la cosa più semplice, alla portata di tutti.

16 settembre 2022 Franco Capone
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us