Storia

Storia dell'automobile: quando c'era un'auto ogni 230 abitanti

Negli anni '20 e '30 l'automobile non è più una "cosa da pazzi", ma sarebbe passato molto tempo prima che diventasse l'oggetto possibile del desiderio degli italiani.

In Italia il boom della motorizzazione arrivò negli anni '50 e '60, quando con lo sviluppo economico e la crescita del benessere generale gli italiani cominciarono a "farsi l'automobile": un traguardo ambito da tutti che diventava via via sempre più accessibile. Un traguardo impensabile all'inizio del secolo, anche se una prima fase di questo processo si era vista negli anni '20 e '30, con un piccolo ma significativo incremento del parco auto circolante. Un annuario del 1930 conservato al Museo Fisogni offre uno spaccato della situazione all'inizio di quel decennio che avrebbe visto, tra le altre cose, le prime autostrade e la nascita della Fiat 508 Balilla (1932) e della Fiat 500 Topolino (1936).

All'epoca l'automobile era un lusso. A parte gli Stati Uniti, dove si contavano oltre 21 milioni di auto in circolazione (in maggioranza Ford), gli altri Paesi erano molto staccati: subito dietro gli USA c'erano inglesi e canadesi, con oltre 900.000 autovetture, poi Francia, Australia, Germania, Argentina e infine Italia. Attorno al 1927 in Italia circolavano 135.900 autovetture: un'auto ogni 230 abitanti, mentre oggi il rapporto è di 1 auto ogni 1,6 abitanti.

Storia dell'automobile - Gran Premio di Asmara (Eritrea), ed. 1952
Storia dell'automobile - Gran Premio di Asmara (Eritrea): la prima edizione si disputò nel 1938, l'ultima - dopo molte interruzioni - nel 1972. Nella foto: l'edizione del 1952. © Dagli archivi del Museo Fisogni

A queste si aggiungevano le circa 650 auto nelle colonie, dove però vigevano regole particolari per l'importazione di autoveicoli.

Altrettanto limitata era la produzione, solo 55.000 nel 1928: la Germania, per capirci, lo stesso anno aveva fabbricato 90.000 vetture, Francia e Inghilterra 200.000, gli USA più di 4 milioni. In Italia la maggior parte delle vetture era di importazione, in particolare da USA, Francia e Spagna. Diversi, invece, i canali di rifornimento della benzina, che arrivava perlopiù dagli Stati Uniti, dalla Persia (oggi Iran) e dall'URSS (la benzina russa, in particolare, era venduta dall'Agip e dalla S.A.I. Petrolea). Le auto italiane erano però apprezzate oltreconfine, in particolare in Germania e in Francia, dove ne furono vendute oltre 5.000 nel 1929.

Anteprime di caos. Nonostante i numeri limitati vi era stato un cospicuo aumento negli anni precedenti: dal 1923, quando c'erano 53.000 vetture, le auto su strada erano più che triplicate, e tra il 1928 e il 1929 si era passati da 142.000 a 173.000. Le regioni più meccanizzate erano quelle del centro-nord, Lombardia in testa con oltre 38.700 auto; in coda la Basilicata con 502 vetture. Milano era la città in cui si rilasciavano più patenti (12.000 nel 1928), mentre i meno desiderosi di mettersi al volante erano i sardi, con sole 632 nuove licenze.

Storia dell'automobile - Auto incidentata (1952)
Storia dell'automobile - L'imposizione della guida a destra è del 1923, mentre il primo Codice della Strada è del 1933, ma per molti anni ancora il mito e l'ebbrezza della velocità, oltre che le strade semideserte, furono causa di molti incidenti e ritiri delle licenze di guida. Nella foto: 1952, un'auto incidentata. © Dagli archivi del Museo Fisogni

Sulla strada, il caos dei primi anni faceva spazio alle prime regole: il primo Codice della Strada fu emanato nel 1933, ma già 10 anni prima erano stati presi i primi provvedimenti in merito, imponendo, tra l'altro, la circolazione sulla destra. «Fino al 1923», riporta Guido Fisogni, «in alcune città si circolava anche a sinistra; a Milano, addirittura, in periferia si girava a destra e in centro a sinistra, come i tram. Con l'aumento della motorizzazione e di incidenti a non finire, il governo impose la circolazione a destra.»

Tutti al mare. Come risulta dalle iscrizioni al registro automobilistico (PRA) il periodo preferito per l'acquisto dell'automobile era l'estate, con un vero e proprio boom nel mese di luglio: il bel tempo e le imminenti vacanze erano il preludio alla tanto sognata automobile per cui gli italiani avevano risparmiato. Cominciava in quegli anni a delinearsi la rete autostradale, con l'inaugurazione della Milano-Laghi nel 1925, a cui fecero seguito la Bergamo-Milano, la Napoli-Pompei e la Via del Mare tra Roma e Ostia: i motori rombanti e le autostrade vuote invogliavano i novelli automobilisti a scatenarsi, al punto che gli incidenti erano frequenti, e con essi le sanzioni.

Nel 1928, oltre 200 patenti vennero ritirate a causa di investimenti stradali; più limitati gli eccessi di velocità e gli incidenti stradali generici. Complice l'assenza di etilometri, si contavano sulle dita di una mano le patenti sospese per "ubbriachezza abituale", mentre risultava molto diffuso il fenomeno del "servizio pubblico abusivo", il corrispettivo dei moderni tassisti senza licenza: nel 1928 furono ben 86 le patenti ritirate per tale motivo, addirittura 141 le licenze di circolazione.

Tutte premesse a quell'epopea dell'auto che sarebbe esplosa nel giro di 20-30 anni, contribuendo a trasformare per sempre i nostri stili di vita.

----------

Storia dell'automobile: quando c'era un'auto ogni 230 abitanti è realizzato con il contributo di Marco Mocchetti, del Museo Fisogni, storica esposizione della più grande collezione al mondo di pezzi inerenti le stazioni di servizio dal 1892 al 2001.

2 novembre 2020
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Perché Gesù finì sulla croce? A chi dava fastidio davvero, e di cosa fu accusato? Nella Palestina di duemila anni fa, ricostruiamo il processo che condannò alla più terribile delle pene il predicatore di Nazareth, consegnandolo per sempre alla Storia e, per i credenti, alle braccia del Padre.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello è l'organo più complesso da scoprire. Ecco le ultime rivelazioni della scienza. Inoltre: i laboratori bunker dove si manipolano i virus; tornano i supersonici per attraversare la stratosfera; quanto e come si allenano gli atleti delle Olimpiadi.  E ancora sei bugiardo o super bugiardo? Scoprilo con il test. 

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us