Cultura

Storia dell'Automobile: l'Affaire Petrofina

Belgio, 1945-46: dopo la guerra, i dirigenti della compagnia petrolifera Petrofina (Fina) furono accusati di collaborazionismo - Dagli archivi del Museo Fisogni.

Il 10 maggio 1940 le truppe tedesche invasero il Belgio, che visse 5 anni di dura occupazione. A guerra finita il Paese iniziò la ricostruzione e, come in molti Paesi d'Europa, anche la caccia a coloro che avevano cooperato col nemico. Tra i casi che fecero scalpore vi fu quello della Petrofina, o Fina, compagnia petrolifera belga i cui dirigenti furono accusati di collaborazionismo.

L'antefatto: dopo la Prima guerra mondiale, nel 1918, la compagnia aveva acquisito le quote tedesche della società petrolifera rumena Concordia, oltre ad attività locali relative alla fabbricazione di cannoni, miniere d'oro e carbone. Nel 1940 tutto ciò era stato ceduto ai nazisti, desiderosi di riacquistare le posizioni perdute nel 1918 e di sostenere lo sforzo bellico.

Cessione a parte, secondo l'accusa la transazione, del valore di centinaia di milioni di franchi, aveva destabilizzato l'economia belga, impoverito il Paese e arricchito i conti personali degli amministratori della società: i fratelli Hector e Fernand Carlier, Laurent Meeus e Alberic Maistriau. E a peggiorare le cose vi era il fatto che delle trattative si era occupato Willem Nygh, membro del partito nazista olandese assunto alla Fina dopo l'occupazione.

Dal canto loro, gli imputati negavano ogni addebito sostenendo che la cessione della Concordia, si legge nei giornali dell'epoca, era stata imposta dal nemico. Essi avevano cercato di tutelare non solo gli azionisti, ma anche la patria, perché l'immissione di liquidità generata dalla vendita aveva permesso l'acquisto di approvvigionamenti per la popolazione. Soprattutto, si sottolineava, non vi era stato alcun vantaggio personale.

Le motivazioni addotte dagli accusati non furono però sufficienti, e la Corte Militare arrivò al verdetto: furono tutti condannati dai 3 ai 7 anni di carcere, con l'eccezione Hector Carlier, morto suicida prima della sentenza. Pesanti le ripercussioni per la Fina: la confisca di 277 milioni di franchi, il sequestro dei beni della società, la condanna a risarcire lo Stato per 50 milioni.

I giudici sposarono la tesi dell'accusa riconoscendo che la cessione al nemico delle attività rumene aveva avuto un ruolo importante per lo sforzo bellico tedesco e aveva destabilizzato economicamente il Belgio; gli imputati, poi, avevano ottenuto vantaggi personali superiori ai 6 milioni di franchi. Si riconobbe, però, che essi potevano aver agito anche per fini patriottici.

Insomma, alla fine della guerra la Fina ne uscì con le ossa rotte. Nominati i nuovi amministratori (che comunque ringraziarono i predecessori "per i servizi resi alla compagnia"), la società iniziò a risollevarsi con un programma di investimenti che l'avrebbe portata a una rapida crescita. 20 anni dopo, allo slogan di Fina ti benzina, le auto facevano la fila per fare il pieno: l'affaire Petrofina era ormai dimenticato.

 

---------------------

Storia dell'Automobile: l'Affaire Petrofina è realizzato con il contributo di Marco Mocchetti, del Museo Fisogni, storica esposizione della più grande collezione al mondo di pezzi inerenti le stazioni di servizio dal 1892 al 2001.

30 ottobre 2020
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Ascesa e declino di Sparta, la polis greca che dominò il Peloponneso con la sua incredibile forza militare e un'organizzazione sociale che forgiava soldati e cittadini pronti a tutto. Perché Beethoven cambiò per sempre il mondo della musica; gli esordi dell'Aids, l'epidemia che segnò un'epoca.

ABBONATI A 29,90€
Questo numero di Focus è speciale perchè l'astronauta dell'Esa Luca Parmitano ci ha affiancato per realizzare un giornale dedicato alle frontiere della scienza, dalla caccia agli esopianeti alla lotta contro il coronavirus fino agli organi stampati in 3d. Grazie Luca per i tuoi consigli e suggerimenti!
ABBONATI A 29,90€

Cosa posso comprare nel mondo con un euro? Perché i crackers hanno i buchi? Dove vanno i gatti quando spariscono da casa? Quanto può dormire un batterio? Correre una maratona fa ringiovanire? Con Focus D&R trovi più di 250 risposte rigorosamente scientifiche alle domande più curiose, divertenti e (anche) un po' folli che potresti mai immaginare.

 

 

ABBONATI A 14,90€
Follow us