Focus

Specie estinte in Australia: la colpa fu dell'uomo

I primi ominidi giunti in Australia all'origine di una grande estinzione. Tutta colpa del fuoco.

2005711131818_8
|

Specie estinte in Australia: la colpa fu dell'uomo
I primi ominidi giunti in Australia all'origine di una grande estinzione. Tutta colpa del fuoco.

 

Il gusc io di un uovo di un Genyornis newtoni, un gigantesco uccello australiano ormai estinto. Foto: © Gifford H. Miller.
Il gusc io di un uovo di un Genyornis newtoni, un gigantesco uccello australiano ormai estinto. Foto: © Gifford H. Miller.

 

Troppi fuochi accesi per disboscare, aprire varchi nella vegetazione o creare campi di caccia finirono col condurre in Australia all'estinzione di diverse specie animali. Questa la semplice tesi sostenuta da Gifford Miller, ricercatore dell'università del Colorado, che in un recente studio ha dato la sua spiegazione a un'estinzione di massa avvenuta nel subcontinente circa 50.000 anni fa.
Troppi fuochi. Studiando le abitudini alimentari degli animali estinti e di quelli tutt'ora presenti in Australia, il ricercatore ha dimostrato come diverse specie cambiarono progressivamente la loro “dieta” solo dopo l'arrivo dell'uomo. Il motivo? Dove si stabilivano, le nuove popolazioni bruciavano ampie aree verdi distruggendo così la vegetazione che dava nutrimento alla fauna locale. Risultato: le specie che furono in grado di adattarsi a nuove “diete” sopravvissero, le altre scomparvero per sempre.
Cambio dieta. Ma come avvalorare questa semplice quanto sorprendente teoria? Miller ha studiato i frammenti di uova di emu (Dromaius novaehollandiae) e di un uccello oggi estinto, il Genyornis newtoni, rinvenuti a Port Augusta. Analizzando i livelli degli isotopi radioattivi di carbonio contenuti nei gusci, il ricercatore è stato in grado di dimostrare che se circa 45.000 anni fa l'emu ha modificato la sua dieta, il Genyornis non ha fatto altrettanto. Facile tirare le conclusioni: le popolazioni che giunsero in Australia circa 50.000 anni fa intaccarono l'ecosistema al suo livello più basso - la vegetazione - spingendo gli animali a modificare le loro abitudini. Solo le specie con una maggiore flessibilità alimentare riuscirono pertanto a sopravvivere.

(Notizia aggiornata al 11 luglio 2005)

 

11 luglio 2005