Storia

Sepolti col caschetto: una macabra scoperta archeologica in Ecuador

Due bambini vissuti 2100 anni fa furono sepolti con un casco di ossa attorno al capo, ottenuto dal cranio di altri ragazzi. Si indaga sul motivo del lugubre rituale.

Una serie di scavi condotti in Ecuador ha riportato alla luce un tipo di sepoltura mai documentata prima in archeologia, tanto insolita quanto "forte", per la sensibilità moderna. In un tumulo di 2.100 anni fa sono stati rinvenuti i resti di due bambini con il cranio avvolto da una specie di casco osseo: analisi più accurate hanno poi rivelato che l'elmetto altro non era che il cranio di altri bambini, deceduti nello stesso periodo. La scoperta è descritta su Latin American Antiquity.

Uno attorno all'altro. Gli archeologi dell'Università del North Carolina di Charlotte si sono imbattuti nel macabro ritrovamento mentre lavoravano in uno scavo precolombiano di Salango, nel nord del Paese, tra il 2014 e il 2016. In due piccoli tumuli funebri hanno ritrovato i resti di otto bambini di pochi mesi, di uno un po' più grande e di due adulti. I corpi erano circondati da statuine di pietra e conchiglie, una consuetudine osservata anche in altre sepolture. Ma le spoglie di due neonati hanno in particolare attirato l'attenzione. La loro testa era infatti circondata da una più grande calotta cranica, un'usanza mai documentata prima d'ora.

In un caso, il corpo principale apparteneva a un bambino di 18 mesi, e il cranio attorno al suo capo a un altro bambino di età compresa tra i 4 e i 12 anni. Tra i due strati di ossa sono stati ritrovati una conchiglia e una falange. Il secondo neonato doveva avere tra i 6 e i 9 mesi al momento della morte: attorno al cranio, aveva quello di un bambino dai 2 ai 12 anni di età. Secondo gli scienziati il fatto che i "caschi" calzassero perfettamente, e che non fossero danneggiati al momento della giustapposizione, rivela che i decessi dei quattro bambini dovettero avvenire nello stesso periodo di tempo, e che i crani usati come rivestimento erano, al momento del rituale, ancora completi di carne.

Protezione. Qual è dunque il motivo del cruento - e per quanto ne sappiamo insolito - rituale? Secondo gli archeologi, la testa aveva una forte valenza simbolica presso le culture precolombiane: era considerata un simbolo di indentità e molto sfruttata con questo significato nell'iconografia. «Le teste rappresentano in genere potere, antenati, e possono servire a mostrare predominio su altri gruppi - per esempio, attraverso la creazione di teste trofeo dei nemici sottomessi» spiega Sara Jeungst, a capo dello studio. Accompagnare bambini così piccoli con il cranio di altri minori era forse un modo per proteggere la loro anima.

Stessa sorte. Quanto alle ragioni della morte dei piccoli, essa non sembra legata ai sacrifici umani diffusi tra queste culture. I bambini, malnutriti, sono stati trovati sopra uno strato di ceneri vulcaniche associato a un'eruzione nei rilievi vicini. Potrebbero essere stati tutti vittime dello stress nutrizionale successivo agli eventi eruttivi (problemi nelle coltivazioni, diffusione di epidemie). Si comprenderebbe così anche la necessità di circondarli di figure protettive, rappresentanti gli antenati: tutta questa cura serviva forse anche a placare un vulcano attivo.

25 novembre 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us