Storia

Uno scheletro riscrive la storia delle popolazioni precolombiane?

Uno scheletro trovato nelle grotte messicane di Tulum porta a nuove ipotesi sulle origini delle popolazioni precolombiane.

Tulum, in Messico, è un enorme sistema di grotte, dove, di tanto in tanto, si fanno scoperte archeologiche di grande valore. L'ultima, di un ricercatore della Universität Heidelberg, Germania, è stata appena pubblicata sulla rivista Plos One. Era noto che quell'area fosse abitata fin dal tardo Pleistocene, ossia attorno a 12.000 anni fa: quel che sappiamo di quelle popolazioni ci è arrivato proprio grazie agli studi su nove scheletri ben conservati rinvenuti nelle caverne sommerse presso lo doline di Tulum.

 

Un nuovo scheletro. Quello che è venuto alla luce ora è un nuovo scheletro, completo al 30 per cento che è stato chiamato "Chan Hol 3", dal nome della grotta sottomarina di Chan Hol, dove è stato trovato. Il cranio è stato sottoposto ad una approfondita analisi non invasiva che ne ha permesso la datazione. 

 

Si è scoperto che apparteneva ad una donna vissuta quasi 10mila anni fa e che al momento della morte aveva circa 30 anni. Il cranio è stato definito di tipo "mesocefalico", cioè non particolarmente largo, né stretto, con zigomi larghi e fronte piatta. Così come gli altri crani trovati nello stesso luogo anche questo presenta carie nei denti, il che significa che quelle popolazioni avevano una dieta piuttosto ricca in zuccheri.

Il confronto. Le analisi craniometriche poi, sono state messe a confronto con altri 452 teschi provenienti dal Nord, Centro e Sud America oltre a quelli presenti nelle grotte di Tulum. Il risultato di tale confronto ha portato gli archeologi a stabilire che in Messico vivevano almeno due gruppi umani, morfologicamente diversi tra loro, nel periodo di passaggio tra il Pleistocene e l'Olocene (la nostra epoca attuale).

 

Spiega Wolfgang Stinnesbeck, responsabile dello studio: «Gli scheletri di Tulum portano ad avanzare alcune ipotesi da approfondire. La prima vuole che in Messico arrivarono popolazioni in periodi molto diversi tra loro così da essere già diversificate, la seconda invece sostiene che fossero arrivate più meno nello stesso periodo, ma che, successivamente, si siano separate in gruppi diversi tra loro fino al punto da assumere aspetti morfologici differenti. Se questa seconda ipotesi fosse corretta, è assai probabile allora che l'arrivo dei primi coloni in Centro America sia avvenuto molto prima rispetto a quanto creduto finora».

 

29 febbraio 2020 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us