Storia

I satelliti Landsat usati per localizzare relitti sui fondali marini

Nuovi strumenti di analisi dei dati satellitari permettono di localizzare con precisione relitti di navi e aerei su fondali marini relativamente bassi.

Cercatori di tesori sottomarini, attenzione: da oggi avete un formidabile concorrente, e basta lo schermo di un computer per trovare ciò che cercate. Con la nuova tecnologia, per avere successo è sufficiente saper leggere e interpretare le fotografie satellitari di Landast 8, da poco in orbita per studiare il nostro pianeta. Come sempre, però, galeoni o meno, non è tutto oro quello che luccica: la comodità ha il suo rovescio della medaglia, e la tecnologia qualche limite.

A milioni. Non esiste un registro delle navi affondate dall'inizio della marineria, ma secondo alcune fonti (per esempio l'Unesco) sarebbero almeno 3 milioni gli scafi di ogni epoca che giacciono sui fondali di tutto il mondo. Tra questi ci sono certamente i "classici" galeoni carichi d'oro, ma anche navi militari col loro carico di bombe e munizioni, navi cargo con rifiuti tossici e mercantili di ogni epoca e con ogni genere di carico.

Un buon numero di queste navi si trova nel nord dell'Oceano Atlantico, soprattutto lungo le coste del Belgio e dei Paesi Bassi (Mare del Nord), affondate durante la Seconda guerra mondiale. Navi pericolose per l'ambiente, tant'è una raccomandazione del Parlamento Europeo invita gli Enti nazionali a realizzare una mappa di questi relitti.

L'occhio del satellite. Fino a oggi, per cercare uno scafo affondato si poteva scegliere tra due strade: con una nave appoggio (con un laser che scandaglia il fondale) oppure con un aereo (con il radar). Il primo metodo è lento e richiede acque limpide, il secondo è molto costoso.

Da oggi si possono utilizzare anche le immagini di Landsat 8, grazie a un metodo di analisi delle foto messo a punto da un team di ricercatori della Royal Belgian Institute of Natural Sciences coordinati da Matthias Baeye e Michael Fettweis (vedi Detection of shipwrecks in ocean colour satellite imagery).

L'interpretazione delle immagini si basa sul fatto che, quando una nave affonda, crea sul fondale una cavità: in particolari condizioni del mare, la cavità può riempirsi di materiale molto fine, differente dall'area circostante, quello stesso materiale può creare dei pennacchi - che spiccano anch'essi rispetto a ciò che c'è attorno. Bisogna insomma sapere che cosa si cerca e aguzzare la vista.

L'analisi di questa immagine ripresa il 1° aprile 2014 da Landsat-8 ha permesso di localizzare un relitto al largo del porto di Zeebrugge, in Belgio. © NASA/USGS Landsat/Jesse Allen/NASA Earth Observatory/Matthias Baeye et al

I ricercatori hanno hanno messo alla prova il metodo cercando sulle immagini di Landsat gli indizi di alcuni relitti di cui già si conosce la posizione: la SS Sansip (135 metri), la U.S. Liberty e la SS Samvurn, tutte affondate da mine nel 1944, e la SS Nippon affondata nel 1938. Utilizzando 21 immagini del Landsat 8 gli autori della ricerca hanno localizzato con precisione i pennacchi dei sedimenti prodotti dalle navi, e di conseguenza i relitti.

Sono oltre 3 milioni i relitti di navi, sommergibili e aerei che giaciono sui fondali degli oceani. © G. Adams / UNESCO

L'occhio miope. Superata la prova... Basta fotografare gli oceani per trovare ogni possibile relitto?

Anche questo metodo ha i suoi limiti, anzi, uno in particolare: con questo sistema, la ricerca è efficace per fondali fino a 15-20 metri di profondità.

Non sarebbe stato possibile usarlo per trovare il Titanic, che sta a 3.810 metri di profondità, né aiuterà a trovare i galeoni affondati in acque profonde tra l'Europa e le Americhe.

Ma, in fondo, il sistema è pensato per trovare i relitti più pericolosi, e questi quasi certamente si trovano vicino alle coste, adagiati su fondali bassi. I cercatori di tesori possono dormire sonni tranquilli, per adesso.

15 marzo 2016 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita straordinaria di Rita Levi-Montalcini, l'unica scienziata italiana premiata con il Nobel: dall'infanzia dorata alle leggi razziali, dagli studi in America ai legami con una famiglia molto unita, colta e piena di talenti. E ancora: l'impresa in Antartide di Ernest Shackleton; i referendum che hanno cambiato il corso della Storia; le prime case popolari del quartiere Fuggerei, ad Augusta; il mito, controverso, di Federico Barbarossa.

ABBONATI A 29,90€

Tutto quello che la scienza ha scoperto sui buchi neri: fino a 50 anni fa si dubitava della loro esistenza, ora se ne contano miliardi di miliardi. Inoltre, come funziona la nostra memoria; l'innovativa tecnica per far tornare a camminare le persone paraplegiche; la teconoguerra in Ucraina: quali sono le armi tecnologiche usate.

ABBONATI A 31,90€
Follow us