Storia

Santa Chiara, la monaca che seguì Francesco per vivere in povertà

La storia di santa Chiara di Assisi, la nobile che imitò san Francesco scegliendo il "privilegio della povertà". Fondatrice dell'Ordine delle Clarisse, fu canonizzata due anni dopo la sua morte. 

Alla Mostra del Cinema di Venezia 2022 è in concorso il film Chiara, di Susanna Nicchiarelli, che racconta la storia di santa Chiara e il suo rapporto con san Francesco, alla cui sceneggiatura ha collaborato la storica Chiara Frugoni, scomparsa nel 2022. Ma chi era nella realtà storica la giovane nobile che scappò di casa per seguire Francesco nel nome di Dio e della povertà cristiana? Ripercorriamo la vita di santa Chiara con l'articolo "La Pasionaria di Dio" di Marco Monaco, tratto dall'archivio di Focus Storia.

Chiara e Francesco. È una notte di marzo. L'aria è tiepida e la campagna fuori le mura è avvolta nel silenzio. Accompagnata da un'amica, una ragazza sta scappando dal palazzo di famiglia e scivola furtiva fra i vicoli diretta verso le mura. Riesce a eludere la sorveglianza e a superare la cinta muraria. Le guardie infatti sono meno ligie del solito: si è appena celebrata la Domenica delle palme, anche i nemici perugini staranno in pace quella notte.

La città è Assisi, l'anno il 1211 o il 1212. La ragazza in fuga è una giovane di sangue nobile: si chiama Chiara ed è figlia del conte Favarone di Offreduccio degli Scifi e di Ortolana. Sta lasciando gli agi della sua casa per raggiungere Santa Maria della Porziuncola, una chiesetta a 7 km da Assisi. La aspetta Francesco: il matto, il predicatore, il sovvertitore dell'ordine sociale che Chiara ha frequentato in segreto per alcuni mesi e che infine ha deciso di seguire. Ora sono insieme: Chiara si fa tagliare i capelli e indossa il saio come gesto simbolico dell'irrevocabilità della sua decisione di rinuncia al mondo.

Santa Chiara - Maiolica
Maiolica del Monastero di santa Chiara a Napoli. © Svetlana Jafarova / Shutterstock

Un'epoca di nuovi valori. Chiara nacque probabilmente nel 1193, in un'epoca in cui Assisi attraversava una profonda instabilità politica a causa dello scontro tra impero e papato che coinvolgeva anche le neo-fondate istituzioni cittadine, i Comuni. Sullo sfondo c'era la cultura cortese cavalleresca, che dominava l'Europa. Il movimento, cominciato nella letteratura che cantava le gesta dei cavalieri e l'amor cortese, si era allineato con i valori cristiani: generosità, spirito d'abnegazione e sacrificio, fedeltà e rispetto del nemico.

Soprattutto, rispetto assoluto per la donna, che stava riacquistando una centralità perduta nei secoli precedenti. "Lo stesso Francesco nel segno dell'antica generosità cavalleresca della sua giovinezza, ora mutata di segno, sperava di potere riunire in un'unica fraternità uomini e donne annullando distinzioni sociali e culturali", scriveva la storica Chiara Frugoni nel saggio Storia di Chiara e Francesco (Einaudi).

Il mondo secondo Chiara. La realtà, però, era ben lontana da quegli ideali. Altro che solidarietà e fratellanza: la società che conoscevano allora era divisa in classi in lotta per la supremazia, gli umili venivano schiacciati dai potenti e ci si ammazzava di continuo per conquistare terre e denaro. Difficile, per Chiara e Francesco, sopportarlo. Il loro obiettivo? Un mondo più giusto, maggiore equità sociale; volevano annullare le differenze ripartendo le risorse, in un'ottica di uguaglianza e parità anche tra i sessi.

Santa Chiara - Vetrata
Santa Chiara raffigurata nella vetrata della Cappella di Notre Dame des Flots (Le Havre). © Credit jorisvo / Shutterstock

Una monaca controcorrente. Con la sua scelta Chiara deluse le aspettative dei parenti che avevano in serbo per lei nozze con un rampollo di famiglia altolocata. Per due volte cercarono di ricondurre la giovane con la forza tra le mura di casa, senza successo. Ortolana, la madre di Chiara, era molto devota: intraprese anche un pellegrinaggio a Roma e uno in Terrasanta, cosa pericolosa e rara per una donna a quell'epoca.

Perché allora tanta opposizione all'idea di una vita religiosa per la figlia? Nessun problema se avesse deciso di entrare in un convento di clausura. Allora, le donne di famiglia nobile potevano diventare "monache da coro" e in alcuni casi badesse, mentre quelle di umili origini sarebbero diventate "serviziali": avrebbero cioè dovuto occuparsi di assistere le altre monache o di curare gli infermi. Chiara fece scandalo perché rifiutò la clausura e la divisione in classi. E soprattutto fu rivoluzionaria la sua scelta di condividere con Francesco la vita errante.

Una vita da outsider. Come Francesco, anche Chiara ebbe difficoltà a far accettare all'establishment ecclesiastico la sua visione del monachesimo. Persino il cardinale Ugolino da Ostia, "amico" di Chiara e Francesco, sostenitore degli ordini minori, nonché futuro papa che la aiutò nella diffusione dei monasteri, cercò di inquadrare le "povere dame" entro le rigide norme della disciplina benedettina.

La sua idea era che si mantenessero grazie alle rendite dei terreni ricevuti in dotazione. Chiara aveva in mente un'altra immagine di convento. Ma solo negli ultimi anni mise nero su bianco la sua Regola. All'inizio si limitò a consigli affettuosi alle consorelle. Non ricorreva mai alla penitenza intesa come mortificazione del corpo, non usava il principio d'autorità e voleva un monastero aperto al mondo, pronto ad accogliere chiunque avesse bisogno. Però era inflessibile su alcuni principi come la povertà, l'umiltà e la carità, che dovevano essere messe alla prova quotidianamente, non in una vita ascetica.

Santa Chiara - Dipinto
Santa Chiara e san Francesco in un dipinto del XVIII secolo, a Matera. © Renata Sedmakova / Shutterstock

Una sorella povera e inflessibile. Quando nel 1219 il cardinale Ugolino formulò le sue Costituzioni ispirate alla Regola benedettina, stravolse completamente il senso della scelta di Chiara. Il progetto di Ugolino sembra formulato per spegnere punto dopo punto le novità del programma di Francesco che Chiara aveva fatto proprio: niente povertà, niente lavoro manuale, ma separazione dal mondo esterno, preghiere, mortificazioni corporali, silenzio e, infine, rendite e dotazioni che permettessero a quelle carceri sante di funzionare. 

Lontana dalla corte papale. Non fu l'unico tentativo di soffocare la vitalità rivoluzionaria delle sorelle di San Damiano (la chiesa di Assisi dove Chiara si stabilì e visse per oltre quarant'anni). A più riprese, infatti, si tentò di fare accettare alla testarda Chiara la Regola benedettina. Ugolino stesso, diventato papa nel 1228 con il nome di Gregorio IX, tornò alla carica più determinato che mai a imporre alle riottose sorelle la clausura, la proprietà e la netta separazione tra fratres e sorores.

Santa Chiara - Basilica
Basilica di santa Chiara ad Assisi. © Millionstock / Shutterstock

Volutamente dimenticata. Quando Tommaso da Celano (1190- 1265) fu incaricato dal pontefice di redigere per la seconda volta la Vita di Francesco, Chiara non venne nominata neanche una volta. Un'assenza rumorosa, da cui traspariva la volontà di annullare gli elementi del messaggio di Francesco in netta contraddizione con la corte papale. Messaggio che invece fu proprio Chiara a portare avanti con maggior energia e coerenza di quanto avessero fatto i francescani. In alcuni momenti dovette cedere e accettare almeno formalmente le regole ugoliniane. Ma riuscì a salvare sempre il privilegio più prezioso per lei: quello dell'"altissima povertà".

                                            Leggi il nuovo Focus Storia!

9 settembre 2022
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us