Storia

Sacrifici umani anche per gli antichi Greci?

Il ritrovamento di uno scheletro di adolescente sul Monte Liceo, sacro a Zeus, riaccende il dibattito sulla presenza della cruenta pratica nella civiltà culla della filosofia.

Lo scheletro di un adolescente vissuto 3.000 anni fa, senza cranio e disposto tra due file di sassi, con una lastra di pietra a coprire il bacino, è stato rinvenuto in Grecia. Nulla di strano, se non fosse per il luogo del ritrovamento: il Monte Liceo, sede del culto di Zeus e citato spesso in antichità per i sacrifici, umani e animali, che gli antichi Greci consumavano su di esso.

Finora le testimonianze di sacrificio umano associate a questa montagna, incluse quelle di Platone, erano state liquidate come leggende. Difficile pensare che la pratica del sacrificio umano, presente per motivi religiosi tra antichi Romani, Egizi e Israeliti, riguardasse anche la culla della democrazia e del pensiero razionale.

Strana coincidenza. Ma anche se gli archeologi invitano alla cautela, il ritrovamento sembra troppo fortunato per essere vero: la cima sud della montagna, dove è avvenuto, era sede di un altare sacrificale, non di un cimitero. Perché allora seppellire un corpo proprio lì?

vittime designate. Diverse fonti classiche menzionano l'altare di Zeus come adibito a sacrifici umani. In base alla leggenda, un ragazzo veniva immolato assieme ad alcuni animali, e la carne delle vittime veniva poi cotta e consumata. Ma se del macello animale erano state trovate tracce - dal XVI secolo a.C. e fino al 300 a.C., furono qui sacrificati decine di migliaia di animali - fino a qualche settimane fa non erano stati rinvenuti resti umani.

Domande aperte. La presenza umana in questo luogo risale a più di 5000 anni fa. Fino ad oggi non sono state trovate prove di un culto di Zeus, ma rimane difficile capire perché, altrimenti, una comunità avrebbe dovuto abitare su una cima tanto esposta e arida. Finora solo il 7% dell'altare del Monte Liceo è stato disseppellito. Ulteriori scavi chiariranno forse il mistero.

Sacrifici. La pratica dei sacrifici umani appartiene alla storia di molti popoli, fra cui Sumeri, Egizi, Fenici, Dori, Aztechi. In particolare, li compirono tutti i popoli nordici, dai Germani ai Galli. A Roma vennero proibiti a partire dal 97 a.C.

11 agosto 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La morte atroce (e misteriosa) di Montezuma, la furia predatrice dei conquistadores, lo splendore della civiltà azteca perduta per sempre: un tuffo nell'America del sedicesimo secolo, per rivivere le tappe della conquista spagnola e le sue tragiche conseguenze. 

ABBONATI A 29,90€

Il ghiaccio conserva la storia del Pianeta: ecco come emergono tutti i segreti nascosti da milioni di anni. Inoltre: le aziende agricole verticali che risparmiano terra e acqua; i tecno spazzini del web che filtrano miliardi di contenuti; come sarà il deposito nazionale che conterrà le nostre scorie radioattive; a che cosa ci serve davvero la mimica facciale.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa sono i pianeti puffy? Pianeti gassosi di dimensioni molto grandi ma di densità molto bassa. La masturbazione è sempre stata un tabù? No, basta rileggere la storia della sessualità. E ancora: perché al formaggio non si può essere indifferenti? A quali letture si dedicano uomini e donne quando sono... in bagno?

ABBONATI A 29,90€
Follow us