Storia

Sacerdotessa o maga: la mummia egizia coperta da tatuaggi

Sul corpo senza testa e senza braccia di una donna vissuta 3000 anni fa, rarissimi disegni dalle forme riconoscibili e dal potente significato religioso.

Oltre 30 tatuaggi eseguiti in tempi diversi, e in punti particolarmente sensibili: è il repertorio di immagini rinvenuto, grazie a moderne tecniche di analisi all'infrarosso, sulla mummia di una donna egizia tra il 1300 e il 1070 a.C.

Il reperto è il primo resto umano dell'Egitto dinastico a presentare tatuaggi di forma riconoscibile, o almeno il primo in cui siamo riusciti a osservarli. Finora sono state trovate poche mummie tatuate, e per lo più con simboli stilizzati, come linee o puntini.

Io ti vedo. Anne Austin, bioarcheologa dell'università di Stanford (California), si è accorta dei tatuaggi mentre esaminava le mummie dell'Istituto francese di Archeologia Orientale, che conduce le sue ricerche a Deir el-Medina, un villaggio anticamente abitato dagli artigiani che lavoravano alle tombe della vicina Valle dei Re. «Da qualunque parte si guardi questa donna, si trova un paio di occhi divini che ti osservano», ha detto presentando i risultati del suo studio davanti all'American Association of Physical Anthropologists.

L'Occhio di Horus (o di Horo), simbolo di potere e prosperità, è noto anche come Occhio di Ra. © Jeff Dahl / GFDL, WikiMedia Commons

Un intero bestiario. I disegni in questione replicano svariate volte l'Occhio di Horus, simbolo di prosperità, potere e salute presso gli antichi Egizi; la mummia li presenta su collo, spalle e schiena, ed erano forse una protezione contro gli spiriti maligni; ma mostra anche fiori di loto sulle anche, mucche (associate alla dea Hathor, tra le principali nella religione egizia) sulle braccia e babbuini sul collo. Altri simboli sulla gola e sulle braccia dovevano conferire alla donna "poteri" sacri, mentre cantava o eseguiva rituali per Hathor.

Un ruolo importante. L'ipotesi è che i disegni, alcuni dei quali troppo nascosti alla vista per avere scopo decorativo, servissero ad annunciare o celebrare l'importanza della donna, forse una sacerdotessa, o la sua devozione. Alcuni tatuaggi sono più sbiaditi e antichi di altri: segno che il suo prestigio dovette crescere con il tempo. Se la donna accettò di sottoporsi così tante volte a lunghe e dolorose sedute dal tatuatore, lo scopo e l'importanza di quei simboli dovevano essere universalmente riconosciuti.

8 maggio 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Napoleone tenne in scacco tutte le monarchie d'Europa. Poi, a Waterloo, la resa dei conti. Chi erano i nemici dell'imperatore dei francesi? Come formarono le alleanze e le coalizioni per arginarlo? E perché tutti temevano la Grande Armée? Su questo numero, la caduta di Napoleone raccontata attraverso i protagonisti che l'hanno orchestrata.

ABBONATI A 29,90€

Miliardi di microrganismi che popolano il nostro corpo influenzano la nostra salute. Ecco perché ci conviene trattarli bene. E ancora: come la scienza affronta la minaccia delle varianti di CoVID-19, e perché, da sempre, l'uomo punta al potere. Inoltre, in occasione del 20° anniversario della sua seconda missione in orbita, l’astronauta italiano Umberto Guidoni racconta la sua meravigliosa odissea nello spazio.

ABBONATI A 29,90€

Vi siete mai chiesti quante persone stanno facendo l'amore in questo momento nel mondo? O quante tradiscono? E ancora: Esistono giraffe nane? Cosa sono davvero le "scie chimiche" degli aerei? E quanto ci mette il cibo ad attraversare il nostro copo? Queste e tante altre domande & risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, in edicola tutti i mesi. 

ABBONATI A 29,90€
Follow us