Roma ieri e oggi: 10 curiosità storiche sulla città eterna

Cosa nasconde il monte Testaccio? Che c'entra la Cina con i sampietrini? E Giulio Cesare con i gatti? Piccole/grandi curiosità su Roma.

Cesare e i gatti Tutti sappiamo che Giulio Cesare fu vittima di una congiura ordita dal figlioccio Marco Giunio Bruto. Ma dove avvenne l'omicidio? Ci sarete passati molti volte, a Roma: Cesare fu pugnalato da Bruto, mentre presiedeva una riunione di senatori, nella Curia di Pompeo, nell'attuale area archeologica di largo di Torre Argentina, uno dei luoghi più trafficati di Roma, famoso anche per essere abitato da una numerosa colonia di… gatti. Solo di recente (nel 2012) dei ricercatori hanno scoperto il punto preciso dove avvenne il parricidio di Cesare: è indicato da una lastra di cemento di tre metri per due, voluta da Ottaviano Augusto per ricordare il padre adottivo e tramandare ai posteri la condanna del suo assassinio.

Mangiare per strada Lo street food? Non è una novità dei tempi moderni (e neppure della Londra vittoriana). Ristoranti take away esistevano già nell'antica Roma, con affaccio sulla strada per permettere agli avventori di prendere il cibo. Nella sola Pompei pare ce ne fossero più di 200, e la maggior parte delle abitazioni mancava di sale da pranzo o la cucina, il che suggerisce che cucinare a casa era insolito. Le strade di Roma pullulavano di lixae, venditori ambulanti che dalle loro bancarelle smontabili offrivano pane, frittelle e altre cibarie.

Sovrappopolazione Oggi Roma conta più di 2 milioni e 600 mila abitanti ed è il comune più popoloso d’Italia. Il boom demografico della città si è avuto tra il 1950 e il 1960, quando, all’indomani del conflitto mondiale, è stata terra di migrazione da varie regioni italiane passando da 1.150 mila a 2.180 mila abitanti. Ma c’è stato un altro periodo storico in cui Roma ha rischiato il sovraffollamento (si fa per dire): nel II secolo a.C. si calcola infatti che l’Urbe avesse tra 1,2 e 1,7 milioni di abitanti. Persino più che nei primi del '900.
Guarda anche: 6000 anni di urbanizzazione in tre minuti

Chiacchiere da toilette La toilette pubblica al tempo degli antichi romani era vissuta un po’ come un… salotto (anche se non era poi molto pulito). Agli scavi di Ostia Antica è ancora visibile un bagno pubblico romano, dove le sedute appaiono molto vicine, disposte a ferro di cavallo quasi per agevolare le chiacchiere tra gli astanti. Ed è proprio in prossimità dei bagni pubblici che gli archeologi hanno trovato veri e propri tesori: monete che cadevano dalle tasche dei romani e finivano nelle condutture di scarico…
Guarda anche: la storia segreta delle antiche latrine

fame di sesso Ai Romani non piaceva soltanto mangiare fuori casa. Nelle osterie (popinae), infatti, si consumavano pasti veloci ma anche sesso mercenario. Le prostitute contrattavano al piano terra e si portavano i clienti sul soppalco.
Leggi anche: 10 cose che (forse) non sai sulla prostituzione e la sua storia

Sanpietrini La tipica pavimentazione romana ha una storia: “Inventati nel Cinquecento per agevolare il passo delle carrozze - scrive Fulvio Abbate in Roma Controvento - pavimentano le strade cittadine. Si tratta di cubetti di basalto taglia- ti a forma di piramide tronca. I più grandi misurano 12 × 12 × 18”. Amati da alcuni, rappresentano però un problema per chi pratica le strade romane tutti i giorni e c'è chi vorrebbe sostituirli con l’asfalto. In passato si è anche pensato di venderli ai turisti, che intanto li acquistano di frodo da venditori abusivi, rimanendo a loro volta fregati: “L’aspetto ironico della vicenda - si legge sul sito del FAI - è che i blocchetti trafugati come souvenir sono in realtà dei ‘falsi’: da anni, ormai, le ditte incaricate dal Campidoglio li acquistano in Cina dove, si sa, a copiare sono bravissimi e sono davvero pochi quelli che ancora provengono dalle cave laziali".

"Discarica" in città Non è uno dei 7 colli di Roma, ma il Monte Testaccio è altrettanto famoso: alto 54 metri e con una circonferenza di circa 1 chilometro, deve il suo nome al fatto che è formato da "testae", ovvero… cocci: frammenti delle anfore usate per il trasporto delle merci come l'olio, che non essendo riutilizzabili, venivano scaricate e accumulate dopo essere state svuotate nel vicino porto fluviale (nei pressi dell’omonima strada, ancora esistente). In pratica il Monte Testaccio, che dà nome al quartiere, è una discarica nata per risolvere il problema dello smaltimento rapido ed economico delle anfore, nel rispetto delle norme igieniche. Per tenere assieme il tutto i romani, lungimiranti, ricorsero alla calce che ha resistito attraverso il tempo.

Sconfitti dai rifiuti I problemi di Roma con i rifiuti hanno origini lontane. Ai tempi di Cesare soltanto i più ricchi avevano la possibilità di scaricare i liquami nella Cloaca maxima (uno dei più antichi condotti fognari della città, che finiva nel Tevere, qui in una foto del 1875). Tutti gli altri – che vivevano nelle insulae, fatiscenti palazzoni alti fino a dieci piani, senza bagni né acqua corrente - gettavano gli avanzi della cena e il contenuto dei loro vasi da notte direttamente in strada, dalla finestra. Conscio della situazione, nel 47 a. C. Giulio Cesare provò a vietare con un editto che l’immondizia venisse abbandonata per strada. Inutilmente.
Solo dal XVIII secolo a Roma è attestata la presenza di un servizio di nettezza urbana organizzato – ma non gestito interamente – da un’amministrazione pubblica. Cinque commissari avevano ai loro ordini sei carrettieri ciascuno e altrettanti scopatori.

La piscina del Colosseo Tra i vari giochi, il Colosseo ospitò anche le nauromachie, rappresentazioni di battaglie navali in acqua che però non ebbero lo stesso successo dei giochi coi gladiatori. Secondo Martin Crapper, docente di ingegneria civile ed ambientale all'Università di Edimburgo, l'acqua scorreva attraverso una serie di pozzi interni e tubazioni al di sotto delle tribune. Per riempire tutta l'arena erano necessarie circa 7 ore. Ma vuoi mettere avere una piscina nel centro di Roma?
Guarda anche: 10 cose che (forse) non sai sul Colosseo

La prima Zona a Traffico Limitato Giulio Cesare non fu solo un generale e un abile politico, ma anche un attivissimo amministratore. Nel 45 a.C., un anno prima della sua morte, promulgò la Lex Iulia Municipalis che comprendeva un insieme di norme per regolare il traffico a Roma valida anche come “legge quadro” per analoghi provvedimenti in altre città. Anche il caos a Roma era da record. Oltre un secolo dopo Cesare, il poeta Marziale si lamentava dei rumori notturni: “I galli dalle ritte creste non hanno ancora rotto il silenzio / già tu tuoni con un molesto strepito e con sferzate. / Noi vicini chiediamo – non per tutta la notte – di dormire”. D’altro canto Cesare aveva vietato ai carri che trasportavano merci la circolazione nelle ore del giorno, per non intasare le strade. Da questo divieto erano esentati i carri in “servizio pubblico”: per il trasporto di sacerdoti, nettezza urbana, per le necessità dei giochi etc.

Cesare e i gatti Tutti sappiamo che Giulio Cesare fu vittima di una congiura ordita dal figlioccio Marco Giunio Bruto. Ma dove avvenne l'omicidio? Ci sarete passati molti volte, a Roma: Cesare fu pugnalato da Bruto, mentre presiedeva una riunione di senatori, nella Curia di Pompeo, nell'attuale area archeologica di largo di Torre Argentina, uno dei luoghi più trafficati di Roma, famoso anche per essere abitato da una numerosa colonia di… gatti. Solo di recente (nel 2012) dei ricercatori hanno scoperto il punto preciso dove avvenne il parricidio di Cesare: è indicato da una lastra di cemento di tre metri per due, voluta da Ottaviano Augusto per ricordare il padre adottivo e tramandare ai posteri la condanna del suo assassinio.