Storia

Robert Kennedy: l'omicidio di un "quasi presidente"

Cinque anni dopo l'assassinio di John Fitzgerald Kennedy, anche il fratello Robert venne ucciso, mentre festeggiava la vittoria alle primarie della California.

Già segnata da molti drammi, la famiglia Kennedy – e con loro gran parte dell'America – pianse il 6 giugno del 1968 la scomparsa di Robert Kennedy, detto "Bob", fratello del presidente John ucciso solo cinque anni prima.

Quasi presidente. Bob era candidato alle elezioni presidenziali di quell'anno, con ottime probabilità di vittoria. Ad aggredirlo mortalmente, nella notte tra il 5 giugno e il 6 giugno 1968, nella sala da ballo dell'Ambassador Hotel di Los Angeles, dove stava incontrando i suoi sostenitori, fu un certo Sirhan Sirhan, giordano di origine palestinese che voleva fargli pagare il sostegno dato a Israele nei conflitti in corso in Medio Oriente, in particolare alla Guerra dei sei giorni, iniziata un anno e un giorno prima dell'attentato.

Teorie complottiste. Nonostante l'arresto di Sirhan Sirhan, diverse incongruenze emersero durante le indagini e nel corso del processo: questo portò a formulare, anche intorno a questo assassinio, varie ipotesi alternative e teorie complottiste. La registrazione audio dell'attentato da parte di un reporter polacco, analizzata con moderne tecnologie audio d'indagine forense, ha rivelato che il reale numero di colpi sparati nell'agguato fu tredici, ma il modesto revolver del terrorista aveva solo otto colpi, elemento che presuppone sulla scena del delitto la presenza di un altro sicario.

Dopo un comizio. Durante l'agguato, Bob – che aveva appoggiato gli israeliani nella Guerra dei sei giorni, con la quale Israele estese i suoi confini – fu colpito dai proiettili sparati da una pistola calibro 22 all'Ambassador di Los Angeles, dopo un discorso tenuto in una delle sale dell'hotel. Fu centrato mentre veniva fatto uscire dalle cucine poco dopo la mezzanotte del 5 giugno e spirò in ospedale all'alba del 6 giugno 1968, mentre l'assalitore fu arrestato e condannato all'ergastolo.

Questo articolo è tratto da Focus Storia. Perché non ti abboni?

6 giugno 2024 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us