Storia

Ritrovato il tempio di Zeus in Egitto

In Egitto gli archeologi hanno trovato i resti di un tempio dedicato a Zeus-Kasios scavando nel sito archeologico di Tel al-Farma, l'antica città di Pelusium. Lo cercavamo da quasi un secolo.

I resti di un un tempio dedicato a Zeus (nella versione locale di Zeus Kasios) stanno venendo alla luce nel Sinai egiziano. Il ritrovamento è avvenuto nel sito archeologico di Tel al-Farma, l'antica città di Pelusium. La scoperta ha grande importanza come esempio di sincretismo nell'antichità, cioè della fusione di credenze religiose diverse: nel caso specifico, il culto del dio greco del cielo Zeus si era unito a quello per le divinità regionali che albergavano sul monte Kasios. Una scoperta cercata a lungo. I primi scavi in quella zona risalgono al 1910: fu l'archeologo francese Jean Clédat a scoprire su un architrave iscrizioni tardo greche che indicavano la presenza di un tempio, che lui però non riuscì a individuare. 

Veduta dei resti del tempio di Zeus Kasios a Tel al-Farma.
Veduta dei resti del tempio di Zeus Kasios a Tel al-Farma. Sullo sfondo, si vedono alcune colonne di granito distese. Gran parte dell'edificio sacro di cui non è rimastre traccia era invece realizzato con mattoni di fango. Il tempio sugellava la fusione della credenza greca in Zeus, dio del cielo e della folgore, con alcune divinità del Vicino Oriente che risiedevano sul monte Kasios, situato al confine fra Siria e Turchia. © Egyptian Tourism and Antiquities Ministry.

tracce di granito. «Gli scavi del tempio sono iniziati in prossimità di due enormi colonne di granito, che rappresentavano la porta d'ingresso, caduta al suolo per via di un antico terremoto», ha reso noto il segretario generale del Consiglio supremo delle antichità egiziane Mustafa Waziri. «Il tempio era costruito con mattoni di fango su una piattaforma rialzata e il suo soffitto era sostenuto da colonne di granito rosa. Una scala ascendente ricoperta di marmo veniva probabilmente utilizzata dai fedeli per raggiungere la piattaforma del tempio».

Gli archeologi hanno ritrovato nelle vicinanze del tempio altri enormi blocchi di granito rosa: erano stati probabilmente rimossi dal tempio per essere riciclati nella costruzione di chiese. Stringendo il raggio, si è arrivati al tempio vero e proprio: qui è stata anche rinvenuta un'iscrizione che completa quella precedente, svelando che l'imperatore Adriano (76-138 d.C.) ordinò nuove aggiunte al tempio di Zeus Kasios: fu poi Tito Flavio Tiziano, procuratore di Alessandria, a eseguire i lavori.

battaglie terrene e cosmiche. La città di Pelusium, presso la quale sorgeva il tempio, risale al tardo periodo faraonico e passò attraverso le epoche greco-romana e bizantina. Fu un'importante città-fortezza a protezione degli estremi confini orientali del delta del Nilo egiziano. Per esempio, nel VIII secolo a.C., il re assiro Sennacherib, avanzando dal regno di Giuda, nel tentativo d'invadere l'Egitto, non poté conquistare la città, che cadde invece a opera dei Persiani nel 525 a.C. 

Il monte Kasios, l'oggetto del culto "ibrido", si trova invece lungo l'odierno confine tra Siria e Turchia, in una zona oggi militarizzata. Proprio qui, secondo la mitologia greca, ci fu la lotta per la supremazia cosmica fra Zeus e Tifone, il mostro della tempesta. Zeus riuscì a sconfiggere Tifone con il suo fulmine e poi lo seppellì sotto l'Etna, in Sicilia, a una distanza che solo le divinità potevano rapidamente coprire nel tempo mitico.

Un altro momento degli scavi nel Tempio di Zeus-Kasios, dove si vedono le colonne di granito distese.
Un altro momento degli scavi nel Tempio di Zeus-Kasios, dove si vedono le colonne di granito distese. © Egyptian Tourism and Antiquities Ministry

una casa per tutti gli dei. Il monte Kasios (chiamato localmente Jebel al-Aqra) era anche un antico luogo di culto degli abitanti della Cananea (area che comprendeva gli attuali Israele, Palestina, Libano, Siria e Giordania): per loro rappresentava la casa di varie divinità. Per esempio, del dio della tempesta Ba'al Zephon. La gente dell'antica città portuale di Ugarit venerava la montagna come sede del palazzo di Ba'al e di sua sorella Anat. Il monte Kasios è menzionato anche nella Bibbia, come il monte Zaphon.

Poi arrivarono i Greci che colsero la sacralità della montagna e vi trasferirono il culto di Zeus tenendo conto della tradizione locale, ribattezzandolo appunto Zeus-Kasios. Gli antichi, insomma erano spesso flessibili in fatto di credenze religiose, riconoscendo valide anche quelle degli altri, al punto di fonderle con le proprie.

30 giugno 2022 Franco Capone
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us