Storia

Ramses II ai raggi X: il capolavoro dell'arte egizia è stato (più volte) ritoccato!

L'analisi ai raggi X del ritratto di Ramses II, dipinto 3mila anni fa, ha svelato errori e ritocchi introdotti durante la realizzazione di questo antico capolavoro.

Uno degli "status symbol" più ambiti dell'antico Egitto era sfoggiare una tomba riccamente decorata: i committenti assegnavano i dipinti sulle pareti delle tombe ai più prestigiosi artisti dell'epoca, che, come in un'antica bottega rinascimentale, lavoravano gomito a gomito con i loro apprendisti.

Così accadeva anche nella Tebe di 3.000 anni fa (oggi Luxor), una delle necropoli più blasonate dell'antico Egitto, dove, come in tutti i luoghi in cui circola tanta ricchezza, possedere opere d'arte (anche da morti) era un modo di ostentare le proprie disponibilità.

Art-detector. Finora egittologi e storici dell'arte erano convinti che le pitture tombali, date le condizioni estreme in cui venivano realizzate: sottoterra, con poca luce, in un ambiente estremamente caldo e umido, fossero eseguite, tipo catena di montaggio, in poco tempo e possibilmente senza ritocchi.

Invece è esattamente il contrario, come dimostra uno studio pubblicato su Plos One da un team di scienziati e archeologi, che si sono concentrati sull'analisi ai raggi X di un ritratto di Ramses II. La scoperta sorprendente è che dietro a questo capolavoro pittorico si nasconde un articolato processo creativo, fatto di piccoli dettagli cambiati in corso d'opera, errori e scrupolose revisioni, invisibili a occhio nudo.

Se la montagna non va a Maometto. Un gruppo di ricercatori, sovvenzionato dall'Università di Sorbona e da quella di Liegi, è riuscito a trasportare fino alla ricca necropoli di Tebe (dove si trova anche la tomba di Tutankhamon) due delicate macchine a raggi X portatili, ricreando un laboratorio sotterraneo all'avanguardia nel bel mezzo del deserto.

Grazie a questi macchinari, con cui si può scoprire la presenza di disegni o di dipinti sotto la superficie, gli scienziati sono riusciti a mappare le pareti dipinte attraverso un minuzioso lavoro: la scansione di ogni piccola area ha richiesto fino a tre ore.

Dietro ai dipinti. Per individuare il colore originario della vernici scolorite e le linee ormai invisibili, tracciate sotto la superficie, hanno usato la tecnica della fluorescenza a raggi X che consente di "sbirciare" sotto a un dipinto, senza danneggiare la superficie. Ogni colore di vernice ha una sua peculiare composizione chimica, bombardando i dipinti con i raggi X gli scienziati hanno rilevato i pigmenti sia in superficie, sia gli strati di colore che si nascondono sotto.

I ritocchini del faraone. Una volta penetrati nel Ramesseum, il tempio funerario di Ramses II a Tebe, gli scienziati si sono concentrati sulla radiografia di un famoso ritratto del faraone della XIX dinastia, che governò l'Egitto per 67 anni: dal 1279 a.C. al 1213 a.C.

Ramses II - Braccio raggi X
Dalla scansione a raggi X, si può vedere come sia stata modificata in corso d'opera la posizione del braccio di Ramses II, nella pittura che si trova nella sua tomba a Tebe. Martinez et al., 2023, PLOS ONE (CC BY 4.0) © Martinez et al., 2023, PLOS ONE

L'analisi ha rivelato tracce di una precedente versione sottostante del dipinto: la raffigurazione del sovrano, scoperta dagli indiscreti occhi dei raggi X, aveva un copricapo più corto, uno scettro diverso, una collana di altre dimensioni e la posizione di un braccio era cambiata. «Si è trattato di uno straordinario incontro con i fantasmi dei pittori che hanno lavorato a quest'opera, reso possibile dalla tecnologia», afferma Philippe Martinez, autore principale dello studio ed egittologo presso l'Università della Sorbona. «Non potremo mai sapere cosa ha spinto gli artisti a effettuare tutte queste piccole modifiche», prosegue Martinez, «possiamo solo supporre che la gigantesca pittura sia stata frutto della collaborazione tra maestri artisti, che hanno immaginato e progettato l'intera opera, e apprendisti che hanno steso il colore. Probabilmente le correzioni di posizione e i dettagli cambiati in corso d'opera sono stati fatti dopo l'attenta supervisione dei maestri».

3 agosto 2023 Paola Panigas
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us