Storia

Questi 7 abitanti di Pompei morirono asfissiati (e non inceneriti dalla lava)

Uno studio condotto sui calchi di gesso e le ossa di sette vittime di Pompei dimostra che morirono asfissiate, e non bruciate dalla colata piroclastica dell'eruzione.

Uno studio pubblicato su PLOS One ha analizzato i calchi di gesso di sette vittime dell'eruzione del Vesuvio che seppellì Pompei ed Ercolano nel 79 d.C., e ha concluso che sarebbero morte non incenerite, ma asfissiate mentre tentavano di scappare. Gli studiosi ci tengono a sottolineare che quanto scoperto è valido solo per questi sette casi in particolare, e non sono applicabili a tutte le vittime: «È probabile che l'eruzione uccise gli abitanti in modi diversi», spiegano gli autori.

In fuga. I ricercatori hanno condotto un'analisi chimica non invasiva sui calchi utilizzando un analizzatore a fluorescenza a raggi X portatile (pXRF) per determinare la composizione delle ossa e dei calchi. Sono dunque riusciti a determinare l'età biologica e il sesso delle sette vittime, stabilendo inoltre che il gesso utilizzato per fare i calchi avrebbe contaminato la composizione chimica delle ossa dei defunti. Le posizioni in cui sono state ritrovate le vittime suggeriscono che stessero scappando dalla città dopo la pioggia di lapilli, e che alcuni si fossero serviti di un bastone per riuscire a muoversi tra i resti di pietra pomice. Tutti, alla fine, morirono circa 20 ore dopo l'eruzione, stesi a pancia in su o di lato, alcuni cercando di coprirsi con degli indumenti per evitare di respirare la nube di cenere e gas.

1.000 modi per morire. Negli anni, gli archeologi hanno avanzato diverse ipotesi sul decesso degli abitanti di Pompei ed Ercolano, ma la maggior parte ritiene che morirono per asfissia, soffocati in una nuvola di cenere e gas nocivi.

Uno studio del 2011 stimò che la temperatura della colata piroclastica avesse raggiunto i 500 °C, uccidendo gli abitanti in una frazione di secondo. Questa ipotesi sarebbe compatibile con le fratture ritrovate nelle ossa di 100 scheletri e con le condizioni di alcune calotte craniche, crepate e scoppiate per il caldo estremo.

Uno studio del 2020 ipotizza invece che alcuni abitanti morirono disidratati, come testimoniano le contrazioni muscolari e la posizione dei corpi, così come il collagene ancora conservato nei resti.

Per avere un quadro più chiaro della situazione bisogna continuare a indagare: secondo gli autori, future analisi dei calchi di altre zone di Pompei dovranno tenere conto anche dell'interferenza del gesso, che ha permesso di preservare importanti informazioni sulle vittime – come la loro posizione al momento del decesso – ma ne ha alterato la chimica dei resti.  

1 settembre 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us