Storia

Quando si sono formate le mascelle? Comparivano già in un grosso verme che dominava i mari

Scoperto in Groenlandia il fossile di uno dei primi predatori pelagici dotati di mascelle, era il più grande nel Cambriano inferiore.

Circa 540 milioni di anni fa, qualcuno, fra i vermi che "pascolavano" sui fondali marini, trovò più conveniente nutrirsi di qualche suo vicino disattento, un bel concentrato di proteine, invece di cercare qua e là particelle vegetali. Ebbero così origine, per afferrare le prede e mangiarle, le mascelle.

Protezioni. Ci fu allora una corsa agli armamenti: coperture esterne resistenti e conchiglie protettive, occhi per vedere, antenne per sentire, arti per meglio spostarsi sui fondali. Fu a questo punto che qualcuno sviluppo delle pinne per nuotare e fuggire da quella ressa sul fondale, iniziando a colonizzare la colonna d'acqua. Ma anche fra le file di questi primi animali pelagici spuntarono i predatori, cioè i chetognati, dotati di mascelle contornate di spine per ghermire le prede.

Il super predatore. Uno di loro, il più grande di tutti, è stato scoperto fossile nel nord della Groenlandia nel giacimento fossilifero di Sirius Passet ed è descritto in una ricerca su Science Advanced. Secondo lo studio che ha come primo firmatario il coreano Tae-Yoon S. Park, i 30 cm di lunghezza dell'animale erano notevoli per un'epoca, il Cambriano inferiore-Terranoviano (542-521 milioni di anni fa), in cui la vita era ancora in miniatura, tanto da considerare quel grosso verme un super predatore. Come conferma il nome che gli è stato dato: Timorebestia coprii.

Un giacimento eccezionale. A Sirius Passet le condizioni di fossilizzazione permettono d'individuare anche le parti molli e più minute degli animali. Così in Timorebestia si sono potuti ricostruire gli occhi, le antenne, i raggi delle pinne, la muscolatura, il tratto digestivo, l'apparato mascellare interno e il ganglio ventrale. Quest'ultimo, una struttura nervosa ovoidale, è più grande, relativamente al corpo, di quello dei chetognati viventi (detti vermi sagittario) o di altri predatori di Sirius Passet dotati di spine da presa.

Macchina da guerra. Nei chetognati viventi si è visto che il ganglio controlla la muscolatura locomotoria e gli organi sensoriali. Le grandi dimensioni del ganglio di Timorebestia devono quindi aver facilitato un apparato locomotore sviluppato. Le pinne laterali sono infatti molto elaborate, somigliano a quelle dei pesci e delle seppie: permettevano un nuoto spedito con movimenti oscillatori. Insomma Timorebestia era già un'efficiente macchina da "guerra sottomarina".

Fine di un'era. Se i chetognati dominavano sugli artropodi nella colonna d'acqua nel Cambriano inferiore, quando 100 milioni di anni più tardi le mascelle vennero "inventate" anche dai vertebrati, cioè dai pesci del Siluriano-Denoviano, gli stessi chetognati persero la supremazia fino a diventare i piccoli predatori secondari che oggi spesso finiscono, assieme al plancton, in bocca alle balene.

29 gennaio 2024 Franco Capone
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us