Storia

In Mesopotamia praticavano la pluricoltura molto prima di quanto si pensasse

Resti di miglio ritrovati in Iraq dimostrano che in Mesopotamia si ricorreva alla coltura mista già nel II millennio a.C.: mille anni prima di quanto ipotizzato finora.

Analizzando dei fitoliti (microscopici resti vegetali) di miglio risalenti alla metà del secondo millennio a.C. e raccolti nel Kurdistan iracheno, che anticamente era parte della Mesopotamia, un team di ricercatori della Rutgers University (USA) ha dimostrato che la pluricoltura, ossia la coltivazione stagionale di diverse piante sullo stesso terreno, veniva praticata nella regione molto prima di quanto si pensasse. Lo studio, pubblicato su Scientific Reports, ha inoltre evidenziato la natura interconnessa dell'Eurasia in quell'epoca, agli albori della globalizzazione alimentare.

Prima del previsto. Il miglio (Panicum miliaceum) è un cereale che viene raccolto d'estate, e cresce velocemente con poca acqua: i primi a coltivarlo furono gli antichi abitanti dell'Asia orientale, e fino ad oggi gli studiosi pensavano che la coltivazione di questo cereale fosse iniziata in Iraq solo nel primo millennio a.C., con la costruzione dei sistemi di irrigazione imperiali. «La nostra scoperta ci obbliga a riconsiderare le capacità dei sistemi agricoli che servivano al sostentamento degli abitanti delle prime città, Stati e imperi della Mesopotamia», sottolinea Elise Laugier, coordinatrice dello studio.

Miglio
L'importazione del miglio, cereale coltivato durante la stagione estiva, fu fondamentale per permettere l’inizio della pluricoltura nell'Antica Mesopotamia e diversificare la produzione agricola integrandolo a grano, mangime e foraggio. © Christian Camus | Shutterstock

Imparare dal passato. Questo studio si aggiunge ad altre ricerche sul tema che dimostrano che in passato le innovazioni agricole erano parte di iniziative locali, e venivano introdotte da pastori e agricoltori molto prima di entrare a far parte dei regimi imperiali di intensificazione agricola. Oggi il miglio non è un cereale comune nel sudovest asiatico o negli USA, ma secondo Laugier «chi si occupa di innovazione agricola dovrebbe considerare l'idea di investire in sistemi alimentari diversi e adattabili, come facevano gli abitanti dell'antica Mesopotamia».

31 gennaio 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us