Storia

Le donne prima della festa della donna

Dai diritti delle mogli babilonesi alle proteste "femministe" dell'antica Roma: diritti femminili che hanno precorso i tempi.

Il cammino delle donne verso la conquista di pari diritti è lungo e per molti versi incompleto, oltre che ricco di storiche conquiste. Eppure, in alcune società del mondo antico, la condizione femminile era più evoluta di quanto si creda.

Per esempio, la donna babilonese (Mesopotamia, II-III millennio a.C.), pur sottoposta a figure maschili, aveva in alcune situazioni persino più diritti delle sue odierne discendenti. Poteva divorziare, per dirne uno: «Il marito aveva l'obbligo di rifondere alla moglie abbandonata la sua dote, e altri beni; e, nel caso di figli, spesso a carico della madre, anche di lasciare alla moglie la totalità del suo patrimonio», spiega Maria Vittoria Tonietti, storica orientalista dell'Università degli Studi di Firenze. «Se invece la moglie si ammalava gravemente, il marito poteva prendere una seconda moglie, ma non divorziare.»

COmpagna di feste. La donna etrusca (VIII secolo a.C.) poteva partecipare ai banchetti sdraiandosi sugli appositi letti, come gli uomini, occuparsi di affari pubblici, pur non potendo votare né essere eletta, e godeva di libertà talmente ampie da scandalizzare i greci - nel periodo tra l'VIII e il V secolo a.C. la donna greca ellenica veniva invece rinchiusa nei ginecei a tessere, filare e sovraintendere agli schiavi.

Roma matrona. In epoca romana, agli inizi dell'impero di Augusto (attorno al 40 a.C.), la donna - tradizionalmente soggetta alla patria potestas del padre, del tutore o del marito - aveva però parità morale, sociale e giuridica (ma non politica) con l'uomo: le donne maggiorenni potevano amministrare i propri beni, assumere obblighi, possedere patrimoni e, come accadde a Ortensia, figlia dell'oratore Ortensio, esercitare la professione di avvocato.

Unite. Nel 195 a.C. si formarono perfino le prime associazioni di donne ed ebbero luogo le manifestazioni in piazza ad opera di "femministe" ante litteram, per l'abrogazione della Lex Oppia, che vietava alle donne di indossare gioielli, vestirsi con colori sgargianti e girare in carrozza. Le proteste raggiunsero lo scopo e Catone il Censore sentenziò: «Quando le donne arrivano a essere uguali a noi, ci sono già superiori».

7 marzo 2018 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us