Speciale
Domande e Risposte
Storia

Quali sono stati i campioni più altruisti delle Olimpiadi?

La storia delle Olimpiadi è fatta anche di gesti per i quali alcuni atleti vinsero il trofeo per il fair play intitolato a Pierre de Coubertin. Eccoli.

Mentre l'Italia festeggia l'oro storico nei 100 metri di Marcell Jacobs e  quello di Gianmarco Tamberi per il salto in alto, ricordiamo che, anche se alle Olimpiadi gli atleti vanno per vincere le medaglie d'oro, d'argento o di bronzo, c'è anche un altro riconoscimento olimpico altrettanto prestigioso ma meno noto: il trofeo per il fair play intitolato al Barone Pierre de Coubertin, padre dei Giochi moderni, e istituito nel 1964 dal Comitato Internazionale Olimpico, per premiare gli atleti che si sono distinti per comportamento e sportività. Molti degli atleti che seguono l'hanno vinto, altri no, ma sono stati comunque grandi, generosi e altruisti con i loro rivali.

 

Luz Long (germania). Il saltatore in lungo, che vinse la medaglia d'argento ai Giochi di Berlino 1936 dietro all'afroamericano Jesse Owens, fu il primo a ricevere la medaglia De Coubertin, postuma, nel 2000. Gli fu conferita per il suo comportamento in quella gara, quando, in pieno regime nazista, fu prodigo di consigli per il rivale. Tra i due nascerà una profonda amicizia che non sarà scalfita neanche dalla guerra.

Eugenio Monti (Talia). EUGENIO MONTI (ITALIA). Nella finale del bob a due dei Giochi invernali di Innsbruck 1964, i britannici Tony Nash e Robin Dixon vinsero l'oro grazie a un bullone che gli fu fornito proprio da Monti, terzo alla fine con Sergio Siorpaes. Questo consentì loro di partecipare alla gara sostituendo una componente arrugginita che aveva reso il mezzo inguidabile.

 

Lawrence "Larry"Lemieux (Canada). Nel corso delle Olimpiadi di Seul 1988, il velista canadese stava regatando nella classe Finn quando scorse l'imbarcazione rovesciata dei singaporiani Chan e Shaw. Così cambiò rotta e andò a salvarli, ripescando i due feriti e attendendo l'arrivo dei soccorsi. Alla fine riprese la gara e concluse 21°, perdendo la medaglia olimpica ma guadagnando stima e rispetto unanimi.

Vanderlei de lima (Brasile). Nella trionfale maratona di Stefano Baldini ad Atene 2004, il brasiliano fu danneggiato dall'intervento di un predicatore folle che lo aggredì mentre era al comando. Alla fine giungerà terzo e sarà ricompensato con la medaglia De Coubertin, ma ne avrebbero dovuto riservare una anche al connazionale Emanuel Rego, pallavolista, che gli fece dono (non accettato) della propria medaglia d'oro.

Speciale Focus Domande& Risposte all'interno di Focus n. 346 (agosto 2021)
Tratto dell'articolo di Simone Valtieri dello speciale Domande&Risposte, che si trova all'interno di Focus n. 346 (agosto 2021). © Focus

Daniel Gyurta (Ungheria). Il nuotatore magiaro vinse l'oro nei 100 metri rana a Londra 2012 grazie anche all'assenza del rivale norvegese Alexandre Dale-Oen, morto pochi mesi prima. Dopo la gara, Gyurta riconobbe che se il collega fosse stato presente avrebbe vinto lui, e nel gennaio 2013 si recò a Oslo per consegnare alla famiglia una replica della medaglia d'oro, fatta fare a sue spese.

 

Teofilo Stevenson (Cuba). Uno dei più grandi pugili di ogni tempo non passò mai al professionismo, e scelse di competere solo ai Giochi olimpici vincendo l'oro dei pesi massimi per tre edizioni consecutive, dal 1972 al 1980. In tutta la sua carriera ha sempre avuto cura di non ferire i suoi avversari, soprattutto i più giovani, ed è stato con loro prodigo di consigli. Il premio De Coubertin gli è stato conferito alla carriera.

 

Dara Torres (Usa). Ai Giochi di Pechino 2008, la 40enne nuotatrice Usa (alla sua quinta Olimpiade) si rese conto, prima del via dei 50 metri stile libero, che un'avversaria aveva rotto il costume e che avrebbe dovuto nuotare con quell'handicap. Così si rivolse ai giudici e non chiese ma comunicò, in modo fermo e gentile, che la gara sarebbe partita in ritardo per permettere alla collega di cambiarsi.

 

2 agosto 2021
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us