Storia

Quali caratteristiche aveva la “grande Berta”?

Questo nome comunemente si riferisce al cannone di prestazioni eccezionali costruito dai tedeschi sul finire della prima guerra mondiale e che in realtà si chiamava “cannone di Guglielmo”...

Questo nome comunemente si riferisce al cannone di prestazioni eccezionali costruito dai tedeschi sul finire della prima guerra mondiale e che in realtà si chiamava “cannone di Guglielmo” (l’imperatore tedesco). Fu progettato dalle acciaierie Krupp per colpire obiettivi francesi e inglesi da un centinaio di chilometri di distanza. Dopo molti studi e prove, fu costruita una canna con il calibro di 210 millimetri e la lunghezza di 28 metri. La camera di scoppio conteneva 300 chili di esplosivo da lancio, ma la carica ideale fu calcolata in circa 200 chili. La granata era lunga mezzo metro e pesava 106 chili, sette dei quali di tritolo.
Precisione a distanza. Due cannoni entrarono in funzione il mattino del 23 marzo 1918, tirando da Crépy-en-Laonneis (occupata dai tedeschi) verso Parigi (121 chilometri) e il primo colpo cadde in Place de la République. Nei giorni successivi furono sparati 351 colpi, ma per il logoramento le canne dovevano essere sostituite ogni 60-70 colpi.
Le granate avevano una velocità iniziale di 1600 metri al secondo, nella parabola raggiungevano un’altezza di 29 chilometri e impiegavano alcuni minuti per arrivare sull’obiettivo. Gli ultimi colpi furono sparati il 9 agosto 1918, poco prima della sconfitta tedesca.

28 giugno 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us