Storia

Qual era la sensibilità delle prime pellicole fotografiche?

Qualche anno dopo la presentazione ufficiale del dagherrotipo (il primo tipo di fotografia, che usava fogli di rame argentato), nel 1847 furono inventate le prime lastre fotografiche...

Qualche anno dopo la presentazione ufficiale del dagherrotipo (il primo tipo di fotografia, che usava fogli di rame argentato), nel 1847 furono inventate le prime lastre fotografiche all’albumina. Mentre il dagherrotipo era un esemplare unico, queste erano negativi riproducibili, come le pellicole moderne. Le albumine, se paragonate con le pellicole attuali, avevano però bassissima sensibilità: per fotografare un soggetto ben illuminato, era necessaria un’esposizione di tre ore. Dopo la metà del 1800 comparvero altre emulsioni, tra le quali le lastre al collodio: permettevano di ridurre l’esposizione a soli dieci secondi. Sulla scala delle sensibilità delle pellicole oggi in uso, si tratterebbe di 1,5 Asa. Una foto con una delle pellicole oggi più comuni (100 Asa), in una giornata di sole (con diaframma 16) richiede un’esposizione di 1/125 di secondo. Con una pellicola al collodio servirebbe invece 1/2 secondo.

28 giugno 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us