Storia

Qual era la sensibilità delle prime pellicole fotografiche?

Qualche anno dopo la presentazione ufficiale del dagherrotipo (il primo tipo di fotografia, che usava fogli di rame argentato), nel 1847 furono inventate le prime lastre fotografiche...

Qualche anno dopo la presentazione ufficiale del dagherrotipo (il primo tipo di fotografia, che usava fogli di rame argentato), nel 1847 furono inventate le prime lastre fotografiche all’albumina. Mentre il dagherrotipo era un esemplare unico, queste erano negativi riproducibili, come le pellicole moderne. Le albumine, se paragonate con le pellicole attuali, avevano però bassissima sensibilità: per fotografare un soggetto ben illuminato, era necessaria un’esposizione di tre ore. Dopo la metà del 1800 comparvero altre emulsioni, tra le quali le lastre al collodio: permettevano di ridurre l’esposizione a soli dieci secondi. Sulla scala delle sensibilità delle pellicole oggi in uso, si tratterebbe di 1,5 Asa. Una foto con una delle pellicole oggi più comuni (100 Asa), in una giornata di sole (con diaframma 16) richiede un’esposizione di 1/125 di secondo. Con una pellicola al collodio servirebbe invece 1/2 secondo.

28 giugno 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us