Storia

Qual è stata la prima partita internazionale di pallone?

In un certo senso l'abbiamo giocata noi... e non è finita bene.

La prima partita internazionale di pallone fu molto probabilmente quella che si disputò nel 276 d.C. in Inghilterra tra indigeni britanni e legionari romani e che vide vincere i primi per 1-0.

Lo sport in questione era l’harpastum, uno dei tanti giochi di palla popolari all’epoca, e descritti spesso nei testi che ci sono arrivati, che va considerato un po’ l’antenato sia del calcio che del rugby.

Denominato anche pulverulentus, cioè “il polverone”, era molto diffuso tra i gladiatori e i legionari (ed è probabilmente per questo che la prima partita "internazionale" venne giocata tra soldati romani e indigeni britanni).

L'harpastum in un affresco romano.

Si disputava tra due squadre con un numero variabile, ma sempre pari, di giocatori e consisteva nel portare il pallone al di là della linea di fondo avversaria. Solo chi aveva il pallone poteva venire attaccato con la forza (il gioco era molto fisico) e questo incoraggiava i passaggi e il gioco di squadra.

A Roma i giochi di pallone erano diffusi e apprezzati, tanto che spesso i letterati ne descrivono la pratica nelle strade e alle terme. Tra i praticanti appassionati c’era Mecenate, braccio destro di Augusto.

Autogestito. Non c'erano gli arbitri, ma questa mancanza era comune a tutti i giochi di palla in voga nell'antichità, dalla Cina (Tsu chu, calcio-palla, presente già nel 2.600 a.C) al Giappone (Kemari), dalla Grecia del V secolo a. C. (Epískyros) alla Firenze rinascimentale (Florentinum harpastum, cioè il calcio fiorentino). Le regole erano concordate all’inizio, ma le sfide sfociavano spesso in zuffe collettive.

È in edicola il nuovo numero di Focus Storia Domande & Risposte - da cui è stata rielaborata questa notizia - con centinaia di curiosità e risposte alle domande storiche più curiose e inaspettate! Sfoglia l'anteprima.

4 gennaio 2018 Focus Storia D&R
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us