Storia

Qual è stata la prima partita internazionale di pallone?

In un certo senso l'abbiamo giocata noi... e non è finita bene.

La prima partita internazionale di pallone fu molto probabilmente quella che si disputò nel 276 d.C. in Inghilterra tra indigeni britanni e legionari romani e che vide vincere i primi per 1-0.

Lo sport in questione era l’harpastum, uno dei tanti giochi di palla popolari all’epoca, e descritti spesso nei testi che ci sono arrivati, che va considerato un po’ l’antenato sia del calcio che del rugby.

Denominato anche pulverulentus, cioè “il polverone”, era molto diffuso tra i gladiatori e i legionari (ed è probabilmente per questo che la prima partita "internazionale" venne giocata tra soldati romani e indigeni britanni).

L'harpastum in un affresco romano.

Si disputava tra due squadre con un numero variabile, ma sempre pari, di giocatori e consisteva nel portare il pallone al di là della linea di fondo avversaria. Solo chi aveva il pallone poteva venire attaccato con la forza (il gioco era molto fisico) e questo incoraggiava i passaggi e il gioco di squadra.

A Roma i giochi di pallone erano diffusi e apprezzati, tanto che spesso i letterati ne descrivono la pratica nelle strade e alle terme. Tra i praticanti appassionati c’era Mecenate, braccio destro di Augusto.

Autogestito. Non c'erano gli arbitri, ma questa mancanza era comune a tutti i giochi di palla in voga nell'antichità, dalla Cina (Tsu chu, calcio-palla, presente già nel 2.600 a.C) al Giappone (Kemari), dalla Grecia del V secolo a. C. (Epískyros) alla Firenze rinascimentale (Florentinum harpastum, cioè il calcio fiorentino). Le regole erano concordate all’inizio, ma le sfide sfociavano spesso in zuffe collettive.

È in edicola il nuovo numero di Focus Storia Domande & Risposte - da cui è stata rielaborata questa notizia - con centinaia di curiosità e risposte alle domande storiche più curiose e inaspettate! Sfoglia l'anteprima.

4 gennaio 2018 Focus Storia D&R
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us